Lunedì, 14 Giugno 2021
Sesto San Giovanni Viale Tommaso Edison

Lavoratori di Alstom Ferroviaria a colloquio con la prima cittadina: «Preoccupati per il nostro futuro»

L'azienda, che durante l'estate ha vinto una commessa pubblica dalle Ferrovie dello Stato, potrebbe ridurre i livelli occupazionali a Sesto e negli altri stabilimenti d'Italia

Lavoratori, parti sociali e istituzioni seduti a un unico tavolo. Nella mattinata di lunedì 5 settembre la prima cittadina di Sesto San Giovanni Monica Chittò — insieme al vicesindaco Andrea Rivolta e all’assessore al lavoro Virginia Montrasio — ha incontrato una delegazione di dipendenti di Alstom Ferroviaria, insieme ai rappresentanti delle organizzazioni sindacali, in occasione dello sciopero nazionale dei lavoratori dell’azienda.

Sindacati e lavoratori sono preoccupati per la fase di incertezza rispetto il mantenimento della produzione e del lavoro non solo a Sesto, ma in tutti gli stabilimenti del gruppo in Italia. Hanno chiesto al municipio un impegno nell’affiancarsi alle loro istanze nell’interlocuzione con l’azienda su questi temi.

«Questo incontro — ha dichiarato Chittò ai dipendenti del colosso — è un segnale importante di quanto i lavoratori vedano nel comune una istituzione credibile. Chiederemo all’azienda di mantenere la produzione negli stabilimenti italiani. Francamente si fatica a capire come un’azienda, che ha appena vinto una commessa importante dalle Ferrovie dello Stato, possa mettere in discussione la produzione proprio nel paese per il quale deve lavorare. Crediamo che, almeno per le commesse pubbliche che sono il motore trainante dello sviluppo di un paese,  si debba prevedere la produzione nello stesso paese».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoratori di Alstom Ferroviaria a colloquio con la prima cittadina: «Preoccupati per il nostro futuro»

MilanoToday è in caricamento