Sesto San Giovanni

"Non fare figure di cacca”: campagna contro i padroni maleducati

Parte a Sesto San Giovanni l'affissione di manifesti con lo scopo di diffondere una cultura del rispetto, per i proprietari di cani che non puliscono i bisogni del proprio animale

Parte a Sesto San Giovanni la campagna di informazione contro le deiezioni canine, frutto del concorso di idee che a febbraio ha visto vincitrice l’idea di Giorgia Brandolese e Stefano Pucci, laureati entrambi allo IED in comunicazione pubblicitaria, freelance ed esperti in grafica e branding, videomaking e fotografia, web design e social media.

La campagna, nata su sollecitazione del consiglio comunale di Sesto San Giovanni, prevede una serie di affissioni di manifesti con lo scopo di diffondere una cultura del rispetto reciproco e il senso civico nei padroni di cani, invitando alla pulizia delle deiezioni del proprio cane attraverso lo slogan “Tirala su”, un’esortazione che vuole convincere i “padroni distratti” a diventare “padroni civili”.

Non fare figure di cacca” è lo slogan che campeggia sui manifesti in uscita, nei quali un “ricordino” dimenticato per strada diventa protagonista di una situazione imbarazzante, sia durante un incontro tra due ragazzi, sia durante un colloquio di lavoro.

I manifesti sono affissi in città e la campagna ha cominciato a girare anche sui social network, prima di approdare – nei giorni dal 23 al 25 maggio – alla tre giorni di Bene Comune a  Spazioarte, dove farà bella mostra di sé un banchetto dedicato alla campagna di comunicazione con distribuzione di gadget “ad hoc” per i padroni di cani.

“Obiettivo di questa campagna di comunicazione – ha ricordato l’assessora all’Ambiente Elena Iannizzi – è quello di coinvolgere tutti i sestesi, padroni di cani o meno, attraverso una serie di azioni positive e messaggi che invitino ad una maggiore consapevolezza del problema delle cacche dei cani e alla crescita del senso civico”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non fare figure di cacca”: campagna contro i padroni maleducati

MilanoToday è in caricamento