menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una bandiera per Lea Garofalo uccisa a Milano nel 2009

Il comune di Sesto San Giovanni aderisce ad una campagna in memoria della testimonia di giustizia uccisa il 24 novembre 2009

Il comune di Sesto San Giovanni aderisce alla campagna di Libera “Io vedo, io sento, io parlo” in omaggio ad una donna coraggiosa, Lea Garofalo, la testimone di giustizia calabrese che venne uccisa il 24 novembre del 2009 a Milano e il cui corpo venne poi bruciato.
 
Il 19 novembre in piazza Beccaria a Milano si svolgeranno i funerali e l’amministrazione sarà presente con l’assessore alle pari opportunità Rita Innocenti. In questi giorni la bandiera dell’associazione Libera, con lo slogan della campagna e la foto di Lea Garofalo, è affissa all’ingresso del palazzetto comunale.

 
L’amministrazione comunale condivide le parole che l’associazione Libera dedica alla figura di Lea Garofalo: “i funerali pubblici rappresentano l’occasione per rendere omaggio a una coraggiosa e irriducibile donna, fragile e forte nello stesso tempo, una donna che è morta riscattando la dignità di tutti noi cittadini milanesi che abbiamo ignorato ciò che avveniva sotto i nostri occhi; nello stesso tempo essi saranno anche l’occasione per dire definitivamente no al silenzio, all’omertà e all’indifferenza”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento