menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La scuola Piero Calamandrei di via Savona

La scuola Piero Calamandrei di via Savona

Scuola"Calamandrei": infiltrazioni d'acqua, niente laboratori

La data d'inizio dei laboratori delle classi medie prime e seconde dell'istituto di Sesto San Giovanni è posticipato causa infiltrazione. E scoppia la polemica

La scuola media di Sesto San Giovanni "P. Calamandrei" di via Savona ha fatto slittare l'inizio dei laboratori delle classi prime e seconde. La causa è un'infiltrazione d'acqua che ha reso inagibile il primo piano. Gli insegnati però affermano che è da cinque anni che va avanti la storia e il comune, a quanto dicono, non ha fatto poi così tanto per migliorare la situazione. 

Pronta la risposta dell'amministrazione sestese. "I nostri uffici - come spiegato in un comunicato stampa che porta la firma dell'assessore ai lavori pubblici Felice Cagliani -  si sono messi in contatto con la scuola per capire l'entità dell'intervento da effettuare. Mi rammarico però che alla riunione di settimana scorsa nessuna abbia reso nota questa criticità". 

Alcuni consiglieri di Sesto San Giovanni sono però di parere contrario. Franca Landucci del gruppo misto ed ex candidata sindaco afferma: "Cagliani è abilissimo a fare il gioco delle tre carte con i fatti, per manipolarli a favore della nomenclatura sestese. Un vero maestro, dal sorriso mellifluo (o mefistofelico?)".

La lista civica Giovani Sestesi, ancor più polemica, chiede le dimissioni di Cagliani."Adesso basta - scrivono in un comunicato stampa - basta lamentarsi che lo stato non manda soldi, basta lamentarsi che l’IMU era la risorsa principale per rendere Sesto San Giovanni una Dubai, ma soprattutto basta dare la colpa agli altri. Assessore Cagliani, si assuma le sue responsabilità e se non ritiene di essere in grado di trovare risposte e modi allora lasci il posto ad un altro, ovviamente del suo partito". 

I genitori dei bambini sono scoraggiati e, come affermato da una mamma su facebook, "pensiamo che non interessi a nessuno questa situazione. I lavori erano appena stati fatti, soldi buttati lavori fatti male e guadagni per tutti. chi ci rimette sono i nostri figli e noi che vediamo i nostri soldi buttati via".

La faccenda, non solo nelle classi della scuola, sembra proprio far acqua da tutte le parti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento