Sesto San Giovanni Viale Italia

General electric: rischiano il posto 249 persone

I rappresentanti della multinazionale hanno comunicato la volontà di aprire una procedura di licenziamento collettivo. Nuovo tavolo al Mise per il 21 aprile

Lavoratori G.E protestano

Nuvole nere sul futuro della General Electric di Sesto San Giovanni. Durante l'incontro che si è tenuto a Mise (Ministero dello sviluppo economico, ndr) i rappresentanti della multinazionale hanno comunicato la volontà di aprire una procedura di licenziamento collettivo per dar corso al piano presentato da Ge a livello europeo. Tradotto: 249 lavoratori rischiano il posto di lavoro. 

La doccia fredda è arrivata quando i rappresentanti della multinazionale hanno aggiornato le parti istituzionali e sindacali in merito al processo di individuazione di un soggetto in grado di rendustrializzare il sito (Ex Alstom) di Sesto. 

La risposta delle parti (erano presenti Monica Chittò, sindaco di Sesto San Giovanni insieme all’assessore Virginia Montrasio, e Fulvio Matone per regione Lombardia) è stata ritenuta inaccettabile e hanno chiesto di recedere da questa iniziativa per poter affrontare il tema prioritario dello sviluppo di attività industriali senza vincoli o decisioni che ne possano compromettere la credibilità e le prospettive.

Il tavolo è stato quindi aggiornato al 21 aprile alle 10,30, con l'esplicita richiesta delle istituzioni della presenza in quella sede di un rappresentante diretto del board europeo o nazionale di General Electric insieme ai rappresentanti dell'ex Alstom.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

General electric: rischiano il posto 249 persone

MilanoToday è in caricamento