rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Sesto San Giovanni Sesto San Giovanni

Il presidente della Pro Sesto vuole cambiare la serie D

Nicola Radici, patron della squadra di Sesto San Giovanni, propone di rivoluzionare il campionato nazionale dilettanti

"Bisogna dare una svolta a questo torneo" sono queste le parole del presidente della Pro Sesto Nicola Radici. Nella stagione 2015/2016, infatti, nel campionato dilettanti ci saranno squadre e piazze molto blasonate. Basti pensare al Parma, Reggina, Venezia o Triestina. Per questa ragione, a detta del patron della società di Sesto San Giovanni, è il momento giusto per cambiare.

Tra le idee proposte da Nicola Radici ci sono il cambio di denominazione della categoria (la proposta è di chiamarla C2) e la numerazione con nome sulle maglie (quest'ultima azione mirata in ottica marketing). 

Il presidente della Pro Sesto sembra voler far sul serio e, nei prossimi giorni, manderà una lettera al presidente della Figc, Carlo Tavecchio, ai vertici della Lega Nazionale Dilettanti e a tutti i presidenti delle società di Serie D.

Il motivo di questa rivoluzione appare ovvio. L'attuale campionato di calcio dilettanti, dopo l'unificazione della serie C avvenuta nella stagione precedente, ha sicuramente più prestigio rispetto ad un tempo. Sembra, quasi, una vera e propria C2, perché allora - non mutando il contesto dilettantistico del torneo - non chiamarla così? Non resta che aspettare le risposte dei colleghi di Nicola Radici
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il presidente della Pro Sesto vuole cambiare la serie D

MilanoToday è in caricamento