rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Sesto San Giovanni Sesto San Giovanni

Sesto dice no alla cittadinanza onoraria per la Segre: "Non ha a che fare con la nostra storia"

La maggioranza boccia un ordine del giorno per conferire la cittadinanza onoraria alla Segre

La città medaglia d'oro alla Resistenza dice no a Liliana Segre. Martedì sera, infatti, il consiglio comunale di Sesto San Giovanni ha detto no a un ordine del giorno del Movimento cinque stelle che chiedeva di dare la cittadinanza onoraria alla senatrice a vita milanese, deportata dai nazisti e da poco sotto scorta a causa dei tanti messaggi di odio e minacce ricevuti quotidianamente. 

Sindaco e soci - ha spiegato Vincenzo Di Cristo, consigliere grillino - hanno "bocciato compatti la manifestazione di intenti presentata dal sottoscritto anche a nome di tutta l'opposizione. Il sindaco ha detto che la manifestazione era fatta al solo scopo strumentale. E ovviamente - le parole di un contrariato Di Cristo - i consiglieri di maggioranza hanno ubbidito compatti, quasi fossero bravi soldatini, compresi i rappresentanti dei civici ed alcuni ex o attuali Cl".

Per il sindaco Roberto Di Stefano, in quota Forza Italia, "Liliana Segre non ha a che fare con la storia della nostra città e darle la cittadinanza sarebbe svilente per lei perché è una strumentalizzazione politica. La inviterò personalmente - ha concluso - il 27 gennaio".

Diverso, decisamente diverso, il parere del Partito democratico. "Asserire che Liliana Segre non ha alcun legame con Sesto San Giovanni è ridicolo - l'attacco di Mari Pagani, esponente democratica -. La Senatrice è iscritta all’Aned, associazione degli ex deportati, attiva sul nostro territorio dagli anni Cinquanta e organizzatrice ogni anno di un partecipatissimo viaggio nei lager con la presenza dell’Istituzione e del labaro comunale insieme a molti istituti scolastici e cittadini. La nostra città è stata insignita orgogliosamente della Medaglia d’Oro alla Resistenza e che la Resistenza non abbia nulla a che fare con la deportazione e con la dittatura nazifascista che imprigionò la Senatrice a Auschwitz è un azzardo troppo ardito anche per il nostro sindaco", ha sottolineato la consigliera. 

"Per ultimo Sesto San Giovanni sino ad ora è sempre stata solidale nei confronti di chiunque subisca discriminazione, aggressioni e insulti violenti. E questo ha molto a che fare con l’idea di di inclusione, di confronto e di pace che ha caratterizzato la nostra comunità cittadina. A questo punto ci viene quasi da dire «Senatrice, dovessero invitarla, lasci perdere. Il Sindaco Roberto Di Stefano dice che qui lei è un’estranea». Pensare che noi del Partito Democratico credevamo che, famosa in tutto il mondo, lei fosse una delle madri della nostra Costituzione".
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sesto dice no alla cittadinanza onoraria per la Segre: "Non ha a che fare con la nostra storia"

MilanoToday è in caricamento