Mercoledì, 23 Giugno 2021
Sesto San Giovanni

Figli "arcobaleno", prima richiesta a Sesto San Giovanni ma il sindaco rifiuta di trascrivere all'anagrafe

La decisione comunicata da Roberto Di Stefano in una nota

Il Pride milanese 2018 (Foto Canta/MT)

Secco "no" del sindaco di Sesto San Giovanni, Roberto Di Stefano, alla richiesta di trascrivere all'anagrafe un bambino figlio di due madri donne. Lo ha reso noto lo stesso primo cittadino di Sesto, esponente di Forza Italia.

"Non ho la minima intenzione di accogliere la richiesta: semplicemente perché credo che un bambino, per crescere bene, non può prescindere dall’avere un padre e una madre", scrive Di Stefano in una nota. E' la prima richiesta che viene avanzata al Municipio sestese in questo senso, ma non la prima in assoluto in Italia.

Di recente, infatti, il Comune di Milano aveva iniziato a trascrivere come figli di entrambe le madri alcuni bambini in questa situazione. "Un bambino - prosegue invece il sindaco di Sesto - deve avere una mamma e un papà, non perché lo dice Di Stefano, ma perché così è la natura umana".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Figli "arcobaleno", prima richiesta a Sesto San Giovanni ma il sindaco rifiuta di trascrivere all'anagrafe

MilanoToday è in caricamento