menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il bando per la cura del verde e le polemiche pretestuose

Il sindaco di Sesto San Giovanni interviene con una dichiarazione ufficiale su un eventuale conflitto d'interessi legato all'assegnazione di un bando comunale

Il sindaco di Sesto San Giovanni Monica Chittò interviene sulla polemica aperta da alcuni consiglieri dell’opposizione dopo l’assegnazione definitiva al consorzio di cooperative CS&L del bando per la gestione degli spazi verdi cittadini: “Le polemiche sul presunto conflitto d’interesse dell’assessora all’Ambiente Elena Iannizzi in merito al bando per la cura e la pulizia di giardini e parchi e sull’accoglienza dei profughi sono basate sul nulla, come sa bene chi le sta alimentando. Le scelte, trasparenti, che sono state fatte hanno l’unico obiettivo di alzare la qualità degli spazi verdi di Sesto San Giovanni e niente altro”.

“Conoscere quello di cui si parla – ha proseguito il sindaco – è il primo passo necessario da fare  per non rischiare di dire parole al vento. E i fatti, in questo caso, sono così chiari che non ci sarebbe neanche bisogno di ricordarli. CS&L, innanzitutto, è un consorzio che raggruppa 40 organizzazioni no profit di diverso orientamento culturale: tra queste c’è anche Cooperativa Lotta Contro l’Emarginazione, della quale l’Assessora Elena Iannizzi è dipendente in aspettativa dal 2012 e dalla quale si è dimessa come socia nello stesso anno, subito dopo la nomina ad assessore del Comune di Sesto San Giovanni”.

“La giunta comunale – continua Monica Chittò - ha condiviso e deliberato all’unanimità il progetto per la pulizia e manutenzione delle aree verdi, ma non ha votato alcuna delibera di assegnazione perché questo non è compito degli assessori. Il bando di gara era di tipo europeo, quindi aperto a tutte le imprese di tutti i paesi europei e non solo alle cooperative. La clausola sociale poi, quella che richiedeva l’utilizzo di una parte significativa di lavoratori svantaggiati, è’ stata definita seguendo il regolamento europeo 651 del 2014 e il decreto del 20 marzo 2013 del Ministero del Lavoro italiano. Per quanto riguarda la delibera sul progetto di accoglienza temporanea dei profughi nel  palazzo di Sesto Marelli, infine, ricordo a chi non se ne fosse accorto che si tratta di un progetto presentato e approvato dalla Prefettura di Milano e che il giorno della delibera di Giunta l’assessora Elena Iannizzi non era presente e, dunque, non ha votato”.

“Se scegliere - legittimamente e seguendo le regole europee ed italiane e senza averne in cambio alcun tipo di beneficio personale - di dare la possibilità di lavoro a chi ne ha di meno, a chi è più fragile, migliorando contemporaneamente la pulizia e la manutenzione di parchi e giardini della città rappresenta un “conflitto d’interesse”, allora tutta la Giunta di Sesto San Giovanni è orgogliosa di avere un conflitto di interesse”, ha concluso il sindaco di Sesto San Giovanni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento