Sesto San Giovanni Sesto San Giovanni

Sesto, tossicodipendente devasta porta dell'ospedale e prova a darsi fuoco: salvato

E' stato poi ricoverato, su sua espressa volontà, in Trattamento sanitario volontario. I fatti

Repertorio

Si è cosparso di benzina per darsi fuoco ma è stato bloccato dai poliziotti poco prima che riuscisse a darsi fuoco. Attimi di paura nell'ospedale di Sesto San Giovanni (Milano) nella giornata di domenica, dove un uomo con problemi di tossicodipendenza e gioco d'azzardo ha cercato di togliersi la vita.

Gli agenti del Commissariato di Sesto San Giovanni erano intervenuti su segnalazione di un operatore del pronto soccorso e dei vigili del fuoco per una persona che, dopo aver spaccato una porta, si era spostata nell'area rifornimento davanti all'ingresso di viale Matteotti e stava minacciando di darsi fuoco.

Alla vista dei poliziotti, l'uomo ha estratto da una tasca del proprio bermuda un accendino cercando velocemente di accenderlo per suicidarsi. Per fortuna, l'agilità degli agenti che sono riusciti a bloccarlo prima che potesse accendere la fiamma.

L'uomo in un primo tempo ha continuato a proferire minacce di morte ma, una volta accompagnato all'interno del Commissariato, è stato calmato dai poliziotti ed ha raccontato loro di avere bisogno di un aiuto perché soffriva da tempo per la sua dipendenza dalla cocaina e dal gioco d'azzardo. Ha anche raccontato di aver già provato, nello stesso giorno, a suicidarsi cercando di lanciarsi sotto un pullman, ma di non esserci riuscito.

E' stata contata la famiglia dell'uomo e richiesto l'intervento del personale sanitario. E' stato poi trasportato all'ospedale di Melzo dove, su sua espressa volontà, è stato ricoverato in Trattamento sanitario volontario.

Il 17 luglio, in viale Zara a Milano, un uomo si era dato fuoco ma era stato salvato dalla polizia: due agenti erano rimasti feriti dalla fiamme.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sesto, tossicodipendente devasta porta dell'ospedale e prova a darsi fuoco: salvato

MilanoToday è in caricamento