menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rischia la multa per aver attaccato la foto del cane smarrito

Una coppia ha perso diversi mesi fa il proprio cane tra le vie di Sesto San Giovanni. La loro speranza non vuole però cedere se non fosse che, a causa di alcuni volantini con le foto del loro amico a quattro zampe attaccati per la città, rischiano di prendere 400 euro di multa

Titti è un piccolo cane di origine bastarda che Antonello Garbini e la sua compagna hanno smarrito a Sesto San Giovanni quasi un anno fa. La speranza di riaccarezzarlo però non vuole morire e costantemente, che sia social network o strada, cercano di trovare aiuti e indizi per ritrovarlo. 

Qualche giorno fa però il dispiacere della scomparsa è stato raggiunto dal rischio di una sanzione. La coppia ha infatti, come tante altre persone fanno, attaccato diversi manifesti per il territorio. Dei semplicissimi (e piccoli) flyer dove c'è un numero di telefono da contattare in caso di ritrovamento e una foto dove si vede il loro amico a quattro zampe scomparso. Nulla di strano, quindi, se non per alcuni vigili urbani che, chiamando proprio il recapito telefonico presente sul volantino, hanno diffidato gli autori. Gli è stato comunicato che andavano tolti al più presto e spiegato che se non l'avessero fatto sarebbero andati incontro ad  una salata multa di oltre 400 euro.

Dura lex sed lex, si diceva ai tempi dei romani. La polizia locale milanese però deve averlo preso un po' troppo alla lettera.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento