Martedì, 15 Giugno 2021
Porta Ticinese Porta Ticinese / Viale Tibaldi

Scippano una squillo perché a secco di benzina

Tre giovani universitari scippano una prostituta romena per rubarle i soldi: erano a corto di benzina. Immediatamente catturati rischiano fino a 4 anni di galera. Non è il primo episodio a Milano di studenti violenti

Chi li conosce li definisce dei bravi ragazzi, dei giovani universitari con la testa sulle spalle, eppure l’altra notte hanno scippato della sua borsetta una prostituta romena, perché non avevano soldi per fare benzina alla loro macchina.

Due giovani italiani, entrambi ventenni studenti di Economia e Commercio, ed un amico elettricista albanese, percorrevano Viale Tibaldi a bordo della macchina di uno dei tre. Accostatisi al marciapiede dove sostava la donna, uno dei giovani, figlio di un avvocato, è sceso e le ha strappato la borsetta. E’ poi risalito in macchina e si è dato alla fuga con i complici.

Purtroppo per loro una pattuglia di vigili che passava nelle vicinanze li ha notati e fermati: nella macchina le autorità hanno trovato il cellulare, il passaporto e i soldi della giovane romena, che ha poi riconosciuto in uno dei tre il suo aggressore.

I giovani sono stati arrestati ma subito liberati, perché incensurati. Il 5 giugno è stata fissata la data del processo: i tre rischiano fino a quattro anni di galera per questa bravata.

Ma gli studenti non sono nuovi a questi eposidi. Non più di qualche settimana fa infatti, un gruppo di universitari che stava facendo una festa privata su un tram dell’Atm, ha lanciato bottiglie e lampadine di vetro dal mezzo pubblico contro le auto ferme al semaforo, mettendo in pericolo la sicurezza dei passanti e degli automobilisti.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scippano una squillo perché a secco di benzina

MilanoToday è in caricamento