rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Vigentino via Ripamonti

Tolte due fermate di tram e bus in zona Ripamonti: esplode la rabbia del quartiere

I residenti raccolgono firme per chiedere la "restituzione" delle fermate

Striscioni ai balconi e ai cartelli stradali: così il comitato dei residenti di via Ripamonti ha protestato contro la soppressione, a inizio settembre 2019, delle fermate del tram 24 e del bus 34 all'altezza di via Gallura e via Barletta. Il comitato ha anche dato vita a una petizione che, in circa due settimane, ha raccolto 1.500 firme (in crescita), indirizzate al sindaco di Milano Beppe Sala e al presidente del Municipio 5 Alessandro Bramati (che ha già manifestato solidarietà ai cittadini).

L'8 ottobre, alle cinque di pomeriggio, è stato indetto un presidio di protesta in strada. Le fermate sono state soppresse dopo i lavori che l'amministrazione e l'Atm hanno realizzato per rendere le aree di salita e discesa a norma per i disabili. Risultato, i cittadini devono percorrere anche 300 metri per raggiungere la salita utile più vicina. 

Ma il comitato protesta anche per la localizzazione delle nuove fermate, come quella dopo l'incrocio Ripamonti-Quaranta-Antonini in direzione centro, che a dire dei residenti causa continui ingorghi stradali. Sotto accusa anche le carreggiate, ora troppo strette per i mezzi pesanti soprattutto se si incrociano con un tram. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tolte due fermate di tram e bus in zona Ripamonti: esplode la rabbia del quartiere

MilanoToday è in caricamento