rotate-mobile
Vigentino Porta Ticinese / Via Giovanni Spadolini

Via Spadolini, la paura oltre la siepe: "Radetela al suolo"

Gli abitanti della via in zona Ripamonti chiedono l'abbattimento di una siepe dietro cui si nascondono malintenzionati che saltano fuori per aggredire e rubare. Interviene il Cdz 5

C'è una siepe in via Spadolini che fa paura a passanti e abitanti della zona. Una fila di arbusti alti circa un metro, davanti al lato destro dell'Esselunga di via Ripamonti, che permette a malintenzionati e vagabondi di nascondersi e sbucare fuori dal nulla. Si sono già verificate aggressioni e furti in questi mesi proprio per colpa di questa siepe, che adesso potrebbe avere vita breve. E nella via non è l'unica: duecento metri più avanti, di fronte a un edificio di uffici, è cresciuto un altro muro di vegetazione, più folto, in cui spesso si sono accampati personaggi "poco raccomandabili".

Se n'è parlato prima di Natale nel corso di una commissione Sicurezza del Consiglio di zona 5, dopo una mozione del consigliere del Pdl Alessandro Ghiglieri che chiedeva l'estirpazione della siepe e la trasformazione di essa in prato, per garantire ai passanti e alle forze dell'ordine una maggiore sicurezza. Ma la soluzione per ovviare al problema - che in realtà non è di competenza del Cdz - non è ancora stata trovata.

Siepe di via Spadolini © Giambertone/MilanoToday

Il presidente della commissione, Raffaele Magnotta (Pd), insieme ad altri consiglieri tra cui Repossi dei Verdi, ha giudicato troppo drastica la richiesta di eliminare la siepe. E dopo una discussione si arrivati a un emendamento di compromesso, affichè la siepe sia controllata e potata con più frequenza. In attesa che la soluzione venga adottata, i cittadini continuano ad avere paura. Forse, da oggi, un po' meno.

 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Spadolini, la paura oltre la siepe: "Radetela al suolo"

MilanoToday è in caricamento