'Mare a Milano', alle Colonne di San Lorenzo verrà allestito un grande prato vero, tinto di blu

L'iniziativa, organizzata dall'ente no profit Marine Stewardship Council, ha l'obiettivo di sensibilizzare i cittadini alla pesca sostenibile. In programma anche un grande gioco collettivo

'Mare a Milano'

Un grande prato vero - e dipinto di blu - arriverà nel cuore di Milano, alle colonne di San Lorenzo. È così che l'ente no profit Marine Stewardship Council (MSC) ha deciso di 'portare il mare in città' per celebrare la Giornata Mondiale degli Oceani. Per tre giorni, dal 3 al 6 giugno, cittadini e turisti potranno sedersi e sdraiarsi sulla distesa azzurra fingendo di essere già in vacanza in qualche località balneare.

L'iniziativa pro pesca sostenibilie

La distesa d'erba blu, spiegano gli organizzatori, simboleggia il mare e vuole richiamare l'attenzione sull'importanza della pesca sostenibile. L'iniziativa di guerrilla marketing arriva in occasione della settimana del World Oceans Day, la celebrazione che ricorda il ruolo degli oceani nella vita quotidiana, con cadenza annuale a partire dal 1992, quando venne introdotta dal Centro internazionale per lo sviluppo dell'oceano del Canada e dall'Ocean Institute of Canada al Summit della Terra - Conferenza delle Nazioni Unite sull'ambiente e lo sviluppo, che si tenne Rio de Janeiro, in Brasile.

A ideare l'originale evento Msc, organizzazione internazionale indipendente impegnata in un programma di certificazioni ecolabel e di pesca, la cui finalità è verificare il rispetto di pratiche di pesca ecosostenibili assegnando un marchio blu 'Msc ecolabel' a chi osserva i criteri di valutazione. "Attraverso una soluzione di forte impatto - spiegano gli organizzatori - si vuole raggiungere l'obiettivo di sensibilizzare alla pesca sostenibile ed evidenziare il concetto che tutti possono contribuire alla salute degli oceani, ovunque si trovino. E questo, naturalmente, vale anche per i milanesi. Gli oceani versano oggi in una condizione sempre più complessa e problematica e la pesca intensiva è una delle cause di questo stato di cose. Il 90% delle risorse ittiche sono soggette a sovrappesca o sfruttate al massimo, quindi è necessario invertire questa tendenza quanto prima".

Giochi e momenti informativi

Durante la tre giorni sarà possibile sdraiarsi o sedersi sul grande prato blu, ampio circa 500 metri quadri, realizzato con erba naturale, e quindi ecosostenibile, e vernice ecologica. Inoltre, ai visitatori verranno anche proposte diverse attività, sempre sul tema della pesca sostenibile, che permetteranno sia agli adulti che ai bambini di scoprire quali sono le pratiche per mantenere gli oceani pieni di vita, anche per le prossime generazioni. 

Il giorno clou sarà giovedì 6 giugno, quando attraverso un gioco collettivo, le persone saranno invitate a “pescare” alcuni oggetti di design che rappresentano la vita negli oceani, realizzati da due artisti - Geppetta e Salvabarche - che usano materiali di recupero: la prima gli oggetti depositati sulla spiaggia dalle correnti marine e il secondo varie parti di vecchie barche abbandonate. Sarà consentito prendere e portare via con sé alcuni pesci speciali, quelli contrassegnati col bollino blu MSC 'Pesca sostenibile e certificata'. Il gioco, condotto con l’ausilio di 'pescatori', ha l’obiettivo di spiegare in modo semplice e divertente il concetto della pesca sostenibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, turista sequestrata e violentata dentro un McDonald's: le fratturano anche il naso

  • Primark apre un altro negozio milanese: il 4 dicembre inaugura il mega store al Fiordaliso

  • Giovane morto travolto da un treno del metrò: Cassazione condanna l'agente di stazione di Atm

  • La procura sequestra il Villaggio di Natale a Milano: a rischio l'apertura del mega parco

  • Incidente a Milano, perde il controllo dell'auto: finisce nel ristorante, paura in piazzale Martini

  • Influencer per sfida in piazza Duomo, torna la seconda volta: identificata con l'autista

Torna su
MilanoToday è in caricamento