Insetti Pesciolini d'Argento: cosa sono, dove nascono e i segreti per eliminarli

I piccoli insetti, molto comuni nelle abitazioni, vanno ghiotti di amido e zuccheri. Ecco come liberarsi di loro nel caso di un'invasione

Pesciolini d'argento (immagine repertorio)

Aprendo un vecchio libro o ripulendo un angolo impolverato può capitare di imbattersi in un 'Pesciolino d'argento', l'insetto dal caratteristico colore argentato e cangiante che spesso si nasconde nelle nostre abitazioni. Chiamato anche 'pesciolino del legno', 'acciughina', 'pesciolino della polvere' o 'del bagno', perché amante di questo ambiente umido, l'animaletto decide di stabilirsi in casa per un preciso motivo. Ecco perché i 'Pesciolini d'argento' vengono a farci visita e come valutare se la loro presenza è innocua o meno. 

Cosa sono i pesciolini d'argento

Il loro vero nome è Lepisma saccharina. Si tratta di piccolini esserini argentati, viscidi e dalle antenne lunghe. Tra le loro principali capacità - ve ne sarete accorti - c'è il mimetismo. Prenderli, spesso, non è un'impresa facile. In tutta Italia sono conosciuti come 'pesciolini d’Argento'. Non vivono in acqua, ma con i pesci hanno in comune l’abilità nello sgusciare via. Sono inafferrabili e lo sa bene chi, almeno una volta, ha tentato di prenderli.

I Lepisma saccharina sono insetti dalla vita molto lunga, rispetto ad altre specie, possono, infatti, vivere anche fino ai 3 anni. Sono molto prolifici (una femmina può deporre fino a 20 uova al giorno) e possono stare mesi e mesi senza cibo. Sono davvero degli esserini forti e longevi, per questo difficilmente riusciamo a liberarcene.

Cosa mangiano i 'Pesciolini d'Argento'

I 'Pesciolini d'Argento' si nutrono degli zuccheri e degli amidi presenti in tantissimi cibi, ma anche nella carta, nel legno, nella colla, nelle guarnizioni, nei tessuti di vari fibre (sintetici, lino, cotone, seta e pelle). Per questo la casa è piena di angoli ghiotti per questi insettini. A segnalare la loro presenza in casa sono delle macchioline giallastre, particolarmente visibili sulla biancheria e sui libri. I 'pesciolini ' non sono nocivi, non pungono, non irritano, non mordono, non sono velenosi, ma se iniziano a cibarsi delle pagine di un libro o di una stampa di valore, possono provocare danni.

Come eliminare i 'Pesciolini d'Argento'

Se vi siete accorti che un'invasione di 'Pesciolini argentati' ha invaso il vostro appartamento, non resta che preparare esche e trappole per questi quasi innocui ma molto fastidiosi animaletti. Vi abbiamo già detto che sono ghiotti di zuccheri e di amido, dunque, provate ad inserire dei pezzetti di patate o di pane, con aggiunta di un po' di zucchero, in una bottiglia o in una ciotola che renda loro difficile la fuga una volta entrati. 

Ecco altri consigli per eliminare i pesciolini:

  • Arieggiate e deumidificate la casa: i 'pesciolini d'Argento', infatti, amano l'umidità ma odiano la luce
  • Passate spesso l’aspirapolvere, soprattutto in prossimità di battiscopa di legno e angoli di muratura. Pulite all'interno di cassetti e mobili in legno
  • Conservate il cibo in recipienti di plastica o di vetro ben chiusi
  • Usate spezie e olii essenziali, perché i 'Pesciolini argentati' li odiano, in particolare la lavanda e l'alloro. Sono efficaci per allontanare questi insetti anche menta piperita, citronella, lavanda e ginkgo biloba. Il suggerimento è di posizionare spargiessenze e diffusori in libri e cassetti. Provate anche con le bucce di cedro cambiandole, però, entro una settimana al massimo.

Se l’infestazione è grave, sarà preferibile ricorrere ad una ditta specializzata che procederà con l'utilizzo di insetticidi chimici come la piretrina o l’acido borico (sempre nel rispetto e nella sicurezza di persone e animali).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come pulire bene i termosifoni (prima di accenderli)

  • Bonus casa: ecco come ottenere il 90% di rimborso

Torna su
MilanoToday è in caricamento