Minacciano figlia dell'ex datore di lavoro: volevano soldi, condannati

Con l'ipotesi di estorsione un uomo e una donna (una coppia), sono stati condannati, in abbreviato, dal gup di Milano Luigi Gargiulo a 2 anni e 4 mesi

Una lettera minatoria e la richiesta di 20 mila euro. Con l'ipotesi di estorsione un uomo e una donna (una coppia), sono stati condannati, in abbreviato, dal gup di Milano Luigi Gargiulo a 2 anni e 4 mesi.

Stando alle indagini i due, incensurati avrebbero mandato una lettera minatoria all'ex datore di lavoro di lui, in cui in sostanza gli dicevano di stare attento alla figlia e gli chiedevano 20 mila euro.
Il datore di lavoro ha sporto denuncia e sono scattate le intercettazioni. All'appuntamento previsto per la consegna del denaro in una cabina telefonica si è presentato con una busta che in realtà conteneva solo 100 euro veri, mentre il resto delle banconote erano finte.
Per i due, incensurati, il pm aveva chiesto la condanna a 2 anni e sei mesi. Il gup ha applicato il minimo della pena: 2 anni e 4 mesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Clienti delusi dal villaggio di Natale di Milano, proteste sui social e richieste di rimborso

  • Incidente in viale Bezzi, schianto tra un filobus della 91 e un camion per la raccolta rifiuti

  • Villaggio di Natale di San Siro, l'organizzazione ai clienti delusi: 'Le criticità verranno risolte'

  • I politici romani prendono in giro l'albero di Milano: "Che schifo il vostro ferracchio"

  • "Puoi spostarti?": ragazza prende a schiaffi un uomo sull'autobus Atm, ma lui è sordomuto

  • Milano, uomo trovato morto sul marciapiedi: sul posto la scientifica

Torna su
MilanoToday è in caricamento