Prete pedofilo, il Vaticano pone il segreto sugli atti

La procura di Cremona non potrà riceverli

Don Mauro Inzoli al convegno "omofobo"

Il Vaticano non concede ai giudici gli atti su don Mauro Inzoli (accusato di pedofilia e già "punito" dalla chiesa). La vicenda dell'esponente di Comunione e liberazione, che ora non può più dimorare nella diocesi cremonese, è stata infatti come "stoppata" dal Vaticano, che ha deciso di apporre il cosiddetto "sub secreto pontificio" sulla vicenda.

Al sacerdote, il vescovo di Crema Oscar Cantoni aveva imposto una vita di "preghiera e umile riservatezza", con alcune restrizioni. Ora la decisione della Santa Sede di non trasmettere alcuni atti alla procura di Cremona.

Recentemente don Inzoli aveva suscitato clamore per avere partecipato, tra il pubblico, a un convegno ospitato dalla regione Lombardia e accusato di sostanziale omofobia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, incidente in viale Fulvio Testi: uomo travolto e ucciso dal tram della linea 31

  • Milano, auto piomba alla fermata del bus in via Novara: due investiti, gravissima una donna

  • I politici romani prendono in giro l'albero di Milano: "Che schifo il vostro ferracchio"

  • Milano, uomo trovato morto sul marciapiedi: sul posto la scientifica

  • Milano, la figlia neonata di una detenuta non respira: agente della penitenziaria la salva così

  • Incidente in autostrada A4 tra Agrate e la Tangenziale Est: nove chilometri di coda

Torna su
MilanoToday è in caricamento