Prete pedofilo, il Vaticano pone il segreto sugli atti

La procura di Cremona non potrà riceverli

Don Mauro Inzoli al convegno "omofobo"

Il Vaticano non concede ai giudici gli atti su don Mauro Inzoli (accusato di pedofilia e già "punito" dalla chiesa). La vicenda dell'esponente di Comunione e liberazione, che ora non può più dimorare nella diocesi cremonese, è stata infatti come "stoppata" dal Vaticano, che ha deciso di apporre il cosiddetto "sub secreto pontificio" sulla vicenda.

Al sacerdote, il vescovo di Crema Oscar Cantoni aveva imposto una vita di "preghiera e umile riservatezza", con alcune restrizioni. Ora la decisione della Santa Sede di non trasmettere alcuni atti alla procura di Cremona.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Recentemente don Inzoli aveva suscitato clamore per avere partecipato, tra il pubblico, a un convegno ospitato dalla regione Lombardia e accusato di sostanziale omofobia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'odissea sul Ryanair: imbarco negato con il biglietto e ragazzo 'abbandonato' in aeroporto

  • Uccide soffocando i suoi due figli gemelli. Aveva scritto sms alla madre: "Non li rivedrai più"

  • Consultori di Milano: indirizzi, orari e numeri utili

  • Accoltellato mentre cammina nei pressi del Parco Trotter, grave un 30enne all'alba

  • Omicidio in via Trilussa a Milano, sale dal vicino nel cuore della notte e lo uccide

  • Elena e Diego, i gemellini milanesi uccisi dal loro papà: ecco le prime verità dell'autopsia

Torna su
MilanoToday è in caricamento