Insulti omofobi e un pugno in faccia: ragazzi aggrediti mentre mangiano su una panchina

La denuncia del gay center: "Appello a Conte per una legge per le vittime". Il racconto

Il ragazzo aggredito - Foto Gay center

Prima le parole, "forti" e offensive. Poi la violenza fisica, con quel pugno scagliato in pieno volto. Aggressione omofoba mercoledì sera a Milano, dove due ragazzi di 20 anni sono stati insultati e messi nel mirino da un uomo che si è poi allontanato. 

Stando a quanto denunciato da Fabio Marrazzo, portavoce del gay center, i giovani erano su una panchina insieme a mangiare quando l'aggressore avrebbe iniziato a offenderli con insulti omofobi. Dalle parole ai fatti il passo sarebbe stato brevissimo e S., uno dei ragazzi, si è beccato un pugno in faccia, che gli ha lasciato segni evidenti sul naso e sul labbro. "L'uomo che ha aggredito la coppia - spiega Marrazzo - è riconoscibile tramite barba e tatuaggi e si è avvicinato con un monopattino". L'aggressione, stando a quanto ricostruito, sarebbe avvenuta verso le 21.30 in zona Bicocca e sul posto sono intervenuti anche le forze dell'ordine, ma per fortuna per il 20enne non c'è stato bisogno del trasporto in ospedale. 
 
"Ascoltando la storia raccontata dal ragazzo si evidenzia anche una mancanza di supporto da parte delle forze dell'ordine - denunciano dal gay center - e per questo facciamo appello al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che proprio questa domenica si è espresso favorevole ad una legge contro l'omotransfobia, invitando le forze politiche a convergere su una legge che assista le vittime di discriminazione e introduca il reato come avviene in altri paesi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La settimana scorsa un'altra aggressione omofoba si era consumata a Milano. Quella volta a farne le spese era stato l'influencer "Iconize", che aveva poi raccontato in prima persona la sua esperienza, spiegando che un passante lo aveva insultato dopo avergli chiesto una sigaretta e lo aveva colpito con un pugno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • Spostamenti fuori regione dal 3 giugno: la Lombardia rischia di rimanere chiusa altre 2 settimane

  • Bollettino contagi 30 maggio 2020: morti senza fine, ancora 67 persone. Contagi stabili

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: continuano a salire i contagi +382

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia: 38 morti e +354 positivi, il 70% dei nuovi casi in Italia

  • Bollettino e aggiornamento contagi Lombardia: risalgono morti e i contagi, +216 nuovi positivi

Torna su
MilanoToday è in caricamento