Milano, tranviere insegue un rapinatore contromano: "C'era una ragazza a terra"

L'uomo è riuscito a raggiungere il ladro e a recuperare il cellulare della vittima. La storia

Repertorio

Più volte sulle pagine dei giornali, quando si parla di cronaca, si finisce indirettamente per dare spazio al trionfo dell'indifferenza di chi assiste a un reato e, magari paralizzato dalla paura, non riesce a fare nulla per aiutare la vittima. Venerdì notte, a Milano, è andata diversamente grazie al altruismo di un tranviere di Atm, uno in qualche modo abituato ad aver a che fare nel quotidiano con ogni tipo di umanità.

Aveva appena finito il suo turno notturno su una delle linee che di giorno collegano i vari quartieri della città, la 14: dopo aver portato il suo 'bestione' al deposito di via Messina, in zona Chinatown, stava rincasando come ogni giorno. Dimessi i panni del tranviere, aveva preso il suo scooter e stava percorrendo via Procaccini quando, all'altezza della Fabbrica del Vapore, ha sentito le urla di una ragazza. 

Il tranviere eroe salva una ragazza

La giovane, una cittadina inglese, urlava contro un ragazzo. "In un primo momento pensavo fosse la solita coppia litigare", ha successivamente raccontato Fulvio Mazzarelli, il tranviere 'eroe' ringraziato pubblicamente anche dalla pagina Facebook Tranvieri di Milano, a MilanoToday. Erano circa l'1.35. "Ero rientrato con il tram all'1.20", prosegue la sua ricostruzione.

"Giunto in piazzale Cimitero Monumentale - spiega Fulvio - la ragazza ha iniziato a urlare in modo fortissimo: così mi sono fermato con lo scooter e ho notato che lei era riversa sul pavimento e l'uomo scappava". La giovane era dunque a terra e dal suolo chiedeva aiuto. Il tranviere, un 40enne originario di Napoli, soposato e padre di tre figli,  non ci ha pensato due volte e con il suo scooter si è messo all'inseguimento del presunto rapinatore. 

L'inseguimento contromano e la fuga del malvivente

"E' diventato un vero e proprio inseguimento contromano. Ho rischiato di mettere a repentaglio la mia vita". All'altezza del Cimitero Monumentale il dipendente Atm, che nella sua città ha lavorato per dieci anni nel settore della sicurezza, è riuscito a bloccare l'uomo e a farsi ridare il cellulare. Poi pero il rapinatore, descritto come straniero, è riuscito a scappare dentro al cimitero. Questioni di attimi.

"Sono ritornato indietro e ho consegnato il cellulare alla giovane e sul posto è intervenuta un'autoambulanza per medicare le escoriazioni sulle ginocchia e sui gomiti della donna. E anche la polizia. Sia le forze dell'ordine che l’autombulanza sono state chiamate da me". Per fortuna per la ragazza inglese, portata via dal personale del 118, non ci sono state gravi conseguenze. "Lei stessa - dice Fulvio - in lacrime mi ha abbracciato fortemente e non finiva di ringraziarmi". 

Sul caso indagano gli uomini della polizia, che hanno ascoltato e preso nota di tutti i dettagli raccontati da Fulvio, il tranviere che con coraggio ha vinto l'indifferenza.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Ovest: motociclista tamponato finisce oltre il guard rail e viene travolto, morto

  • Milanese "razzista" e "salviniana" non affitta ai "meridionali": l'audio diventa virale

  • Milano, militare pugnalato alla gola in Stazione Centrale da un passante che urla "Allah akbar"

  • Milano, tenta di incassare il gratta e vinci rubato: beccato, in casa ne aveva altri 600

  • Milano, fumo nero e puzza di bruciato da Spontini in via Marghera: arrivano i pompieri

  • Folle colpo al centro commerciale: i rapinatori 'speronano' i carabinieri e c'è una sparatoria

Torna su
MilanoToday è in caricamento