Milano, tenta di incassare il gratta e vinci rubato: beccato, in casa ne aveva altri 600

Nei guai due fratelli. Poche ore prima uno di loro era riuscito a incassare la vincita con lo stesso metodo

Ha tentato di incassare un gratta e vinci rubato ma è stato scoperto e per lui è scattata una denuncia per tentata truffa. Non solo: ha mandato nei guai anche suo fratello che poche ore prima, sempre con un tagliando rubato e sempre nella stessa tabaccheria, era riuscito a incassare la vincita. È successo nella giornata di sabato 14 settembre a Milano, nei guai due fratelli italiani di 51 e 59 anni, accusati rispettivamente di truffa e tentata truffa. 

Tutto è accaduto intorno alle 17.50 quando il 59enne si è recato in una tabaccheria di via Primaticcio per riscuotere 200 euro: montepremi di un gratta e vinci. La tabaccaia, controllando il tagliando con il sistema in dotazione, si è accorta che risultava rubato e ha chiamato la polizia. Sul posto intervenuti gli agenti della questura di Milano a cui ha raccontato di essere andato a incassare il biglietto per conto del fratello. 

I poliziotti sono quindi andati a casa dell'uomo che vedendo le forze dell'ordine ha consegnato loro un trolley con oltre 600 gratta e vinci. Secondo quanto emerso il 51enne, poche ore prima, era riuscito a incassare un tagliando rubato nella stessa tabaccheria grazie al fatto che la macchina in grado di verificare l'integrità dei tagliandi era fuori uso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio alla guida, accosta e ferma i vigili: "Documenti grazie, devo farvi la multa"

  • Tragedia a Bareggio, trovato morto l'anziano che si era perso in campagna dopo l'incidente

  • Incidente a Trezzano, auto passa col rosso e si schianta con 2 macchine: 12enne gravissimo

  • Sete dopo la pizza? Ecco perchè ti viene

  • Gabriele e Risqi, morti nel tragico schianto in autostrada: la loro auto è finita sotto un tir

  • Mezzi, a Milano si attende in media 9 minuti ogni giorno; e ce ne vogliono 43 per arrivare a destinazione

Torna su
MilanoToday è in caricamento