Picchiati da coetanei, si "sfogano" danneggiando un'auto parcheggiata

I due ragazzi sono stati denunciati dai carabinieri

Repertorio

Hanno chiesto una sigaretta a tre giovani che, per tutta risposta, li avrebbero picchiati. E così, per sfogarsi, hanno distrutto un'auto parcheggiata in strada. Ma uno di loro è stato bloccato e identificato dai carabinieri, intervenuti sul posto prontamente dietro la segnalazione di una lite in corso.

E' successo alle 2 di notte di domenica 17 novembre in piazza Sant'Ambrogio a Vigevano. Protagonisti due 18enni residenti nella città ducale, anche se uno dei due è originario di Magenta. I giovani hanno raccontato che, poco prima, avevano chiesto una sigaretta a tre coetanei, descritti come nordafricani, e per tutta risposta quelli li hanno picchiati; così, per «sfogarsi», si sono scagliati contro una Fiat Panda parcheggiata in piazza e, utilizzando una catena da bicicletta e una bottiglia, hanno frantumato il lunotto posteriore e danneggiato il tergicristallo, il vetro anteriore, il cruscotto interno e una fiancata.

La Panda appartiene a un vigevanese di 25 anni ovviamente del tutto estraneo alla vicenda. I carabinieri, dopo avere identificato uno dei due violenti, sono risaliti anche all'amico e li hanno entrambi denunciati per danneggiamento e porto abusivo d'armi, mentre continuano a cercare di rintracciare gli altri tre protagonisti del litigio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Clienti delusi dal villaggio di Natale di Milano, proteste sui social e richieste di rimborso

  • Incidente in viale Bezzi, schianto tra un filobus della 91 e un camion per la raccolta rifiuti

  • Shirley, la baby sitter morta nello schianto tra un pullman Atm e un camion Amsa a Milano

  • Villaggio di Natale di San Siro, l'organizzazione ai clienti delusi: 'Le criticità verranno risolte'

  • Milano, rapinato il ristoratore dei vip: "Pistola contro per rubarmi soldi contanti e orologio"

  • "Puoi spostarti?": ragazza prende a schiaffi un uomo sull'autobus Atm, ma lui è sordomuto

Torna su
MilanoToday è in caricamento