Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Due milanesi campioni del mondo di parapendio: il racconto di Silvia e Alberto

Il CT della nazionale italiana e la neo campionessa a squadre raccontano l'esperienza vissuta al campionato del mondo di Kruscevo, nella Macedonia del nord. "Volevamo vincere, Silvia ha volato anche se si era rotta una caviglia in gara"

 

Si chiamano Silvia Buzzi Ferraris e Alberto Castagna i due milanesi neo campioni del mondo di parapendio ai mondiali appena conclusi a Kruscevo, nella Macedonia del nord. Il commissario tecnico e la campionessa di specialità a squadre hanno raccontato a Milano Today l'emozione di questa medaglia d'oro, vinta a pari merito con la Francia anche dopo l'infortunio costato la rottura della caviglia alla pilota di Milano.

"È un evento rarissimo che due squadre arrivino a pari merito - raccontano - I partecipanti in ogni manche sono 150, volano tutti contemporaneamente e ciascuno conquista dei punti che vanno a sommarsi nella classifica generale, quindi un ex equo è quasi impossibile. Persino gli organizzatori non avevano previsto quest'eventualità e non c'erano abbastanza medaglie d'oro per tutti i membri delle tue squadre, così abbiamo dovuto tirare a sorte con una monetina per stabilire chi si sarebbe portato a casa gli ori, e abbiamo vinto noi. Naturalmente i colleghi francesi riceveranno le loro quanto prima, e devo dire che sono stati molto sportivi durante la cerimonia".

Una vittoria, quella della squadra italiana (oro sia nel singolo sia a squadre) maturata dopo un europeo perso a tavolino. "Avevamo una fortissima voglia di rivincita - continuano i due milanesi - Il parapendio è una disciplina in cui devi metterci tanta testa e capire cosa puoi fare e cosa invece è meglio non fare. Nonostante questo Silvia ha voluto gareggiare anche dopo un infortunio in atterraggio alla seconda manche e stringendo i denti è stata proprio lei a dare i punti decisivi per far arrivare la squadra sul gradino più alto del podio".

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento