Milano, picchia e rapina una donna ma viene preso a calci dai passanti: il video in esclusiva

L'aggressore viene immobilizzato dai passanti: rischia il linciaggio in almeno due momenti

Il momento di Sharuq I.

C'è un uomo a terra, sulle strisce pedonali che tagliano via Antonio Grossich. All'incrocio con via Degli Orombelli e via Giovanni Pacini, a un isolato dalla stazione Milano Lambrate. Attorno a lui, che ancora inforca una bicicletta Ofo, c'è un capannello di persone. E' circondato. Un ragazzo gli sta addosso, lo strattona. Un altro pare prenderlo a pugni in faccia. Una signora con un vestito a mezza gamba e una borsetta sull'avambraccio, nel frattempo, li raggiunge. Dice qualcosa rivolta a tutti ma non ha il coraggio di avvicinarsi. Qualcuno la rassicura. Un altro ha un telefono in mano, sta chiamando la polizia. L'uomo viene bloccato sull'asfalto. Uno di quelli che prima gli stava addosso si rimette la cintura, forse l'ha utilizzata per colpirlo. Un signore raccoglie la bike sharing e la porta dall'altra parte della strada. L'uomo a terra si toglie la maglia, come per controllare le ferite. Poi resta lì, con le gambe incrociate, e comincia a parlare. Allarga le braccia, pare giustificarsi. Sta trattando la propria 'liberazione'.

Video: ecco il ladro circondato dai cittadini 'eroi'

E' quanto raccontano le prime immagini del video in esclusiva di MilanoToday che mostrano i passanti reagire ad una rapina. Un'aggressione in pieno giorno contro una donna dell'Est Europa di sessantatre anni. Nella giornata della Festa del 25 aprile, pochi minuti dopo le 14, quando la sessantatreenne stava percorrendo via Pacini. Il 'predatore' è un cittadino marocchino con precedenti di polizia e irregolare. Ha vent'anni in meno della sua 'preda' e oggi i suoi piani non andranno come aveva previsto. Le taglia la strada con la bici gialla. Senza pensarci troppo, come conferma la questura, le dà un pugno in faccia prima di strapparle la collana d'oro dal collo. La resistenza della donna, inaspettata, lo coglie in contropiede. Le urla della sessantatreenne sono un allarme a cui rispondono in tanti. In quella che sembra essere diventata una nuova forma di liberazione dall'indifferenza: come quel passante egiziano che soltanto lunedì ha disarmato e bloccato un rapinatore che aveva minacciato di morte, con un coltello sulla gola, un cliente delle Poste di viale Monte Nero (qui le immagini di quel arresto).

Per il pregiudicato quarantatreenne l'unica via d'uscita è la fuga. Un piano che si rivelerà fallimentare, come racconta il video. Il primo a placcarlo è uno studente, riferisce il testimone che ha filmato la parte finale della scena per MilanoToday. A lui si aggiungono altri passanti e insieme immobilizzano l'aggressore, che dopo aver 'incassato' alcuni colpi sembra desistere dai suoi propositi di andar via. Solo apparentemente perché, quando capisce che stanno arrivando le forze dell'ordine, prova a mettersi in piedi per due volte. Una mossa che alza la tensione e quasi istiga al linciaggio. Il primo tentativo viene ostacolato da tre uomini. Uno di loro - lo stesso della cinghia - gli rifila un calcione per ribadire il concetto (minuto 1.45). "Stai giù. Hai capito?", gli urla un altra delle persone intervenute in difesa della sessantatreenne. Passano 30 secondi e il rapinatore ci riprova. Stavolta è un altro uomo ad atterrarlo con una mossa di taekwondo. Proprio in quel momento, accolti dall'applauso delle persone che nel frattempo si erano assiepate ai bordi delle strade e sulle finestre dei palazzi, arriva una camionetta dell'esercito. Per il quarantatreenne non c'è più nulla da fare.

La signora, che nel frattempo si era rifugiata a una ventina di metri, viene poi soccorsa dal personale del 118. A bordo di un'ambulanza dell'Azienda regionale emergenza urgenza la trasportano al Policlinico per assisterla. Non ha ferite significative ma è molto provata. Pochi minuti dopo, tre volanti della polizia e due pattuglie dei carabinieri sono sul posto. Il picchiatore, che per modus operandi ha ricordato l'uomo che venerdì scorso ha ridotto in coma un anziano nell'androne di casa (video dell'aggressione), viene portato via in manette dagli agenti: è accusato di rapina aggravata. E buona parte del merito dell'arresto è di quel capannello di 'piccoli' eroi del quotidiano.

Potrebbe interessarti

  • A Milano gli rubano la bici con cui sta viaggiando per il mondo, l'appello: "Aiutatemi"

  • Intolleranza al lattosio: come riconoscerla

  • Come avere i finanziamenti per riqualificare energeticamente la casa a Milano

I più letti della settimana

  • Appena arrivato a Malpensa inizia a tremare: muore 28enne 'mulo' del narcotraffico

  • Milano, due fratelli morti in una casa a Baggio: uno ucciso a coltellate, un altro impiccato

  • Morto il fumettista milanese AkaB, Gabriele Di Benedetto: aveva solo 43 anni

  • Milano, dramma a Rogoredo: ragazza di 28 anni muore travolta da un treno in stazione

  • La notte folle di un uomo: fa sesso con una prostituta, poi ‘spara’, la rapina e si accoltella

  • Incidente a Zibido, si schianta alla rotatoria e l'auto si ribalta più volte: morto un 32enne

Torna su
MilanoToday è in caricamento