Milano, bimba di sei anni violentata: arrestato (di nuovo) il pedofilo con peluche e bambole

Ecco il profilo del quarantaduenne finito in manette per aver abusato di una bimba di sei anni

Il presunto pedofilo ripreso dalle telecamere

Il suo nome era nei file della polizia. Quando la caccia serrata degli agenti ha dato i propri frutti, dagli archivi quel nome è comparso subito, portando con sé un passato già macchiato da reati simili. 

È recidivo Sergio Marziano, il monzese di quarantadue anni fermato mercoledì mattina dalla Squadra Mobile di Milano con l'accusa di violenza sessuale per aver abusato di una bimba di sei anni lo scorso 11 settembre in via Bramante. 

Soltanto il giorno prima, la Questura e la procura avevano deciso di diffondere la foto dell'uomo - immortalato da alcune telecamere di Chinatown - per sperare di arrivare a una svolta nelle indagini. E la svolta era arrivata, perché poche ore dopo i poliziotti lo hanno portato in via Fatebenefratelli e dopo una notte di interrogatorio hanno ufficializzato il fermo. 

Nella sua casa di Monza, nel quartiere di San Fruttuoso, gli agenti hanno trovato gli stessi vestiti che il quarantaduenne indossava quell'11 settembre, quando - stando a quanto ricostruito dalla polizia - avrebbe seguito una bimba di sei anni in strada e l'avrebbe spinta nel portone di un palazzo per abusare di lei. Soltanto le urla della piccola lo avevano poi convinto - sempre secondo le ricostruzioni della Questura - a fuggire, nonostante avesse già sbottonato i pantaloni. 

Video | Il presunto pedofilo fermato dalla polizia

fermo pedofilo chinatown-2

Quello di Marziano, però, non è un nome nuovo per i poliziotti. Nel 2012, proprio lui era stato arrestato con le accuse di tentata prostituzione minorile, atti osceni e corruzione di minorenne: il quarantaduenne - secondo quanto stabilito da una sentenza - girava in auto con peluche e bambole per avvicinare ragazzine a cui offrire soldi in cambio di sesso.

I sei casi accertati - vittime tutte ragazzine tra i dodici e i quattordici anni - gli erano costati una condanna a quattro anni e tre mesi di carcere. 

A gennaio del 2016 Marziano è tornato un uomo libero e meno di due anni dopo, secondo le indagini, ha colpito di nuovo. 

Un po' quanto accaduto a Edgar Bianchi: anche lui un passato certificato da "sex offender" e anche lui arrestato a Milano - lo scorso giovedì - con l'accusa di aver violentato una ragazzina tredicenne seguita fuori da scuola. 

Bianchi, barman genovese di quaranta anni, era già finito in manette nel 2005 ed era stato condannato per oltre venti violenze sessuali compiute proprio nella città ligure sempre su ragazzine sole, spinte negli androni dei palazzi e abusate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il "maniaco dell'ascensore" - un soprannome "giustificato" proprio dal suo modus operandi - era uscito dal carcere due anni fa dopo aver scontato una condanna passata da oltre quattordici anni a otto di reclusione. Anche lui, una volta libero, ha colpito di nuovo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino contagi 30 maggio 2020: morti senza fine, ancora 67 persone. Contagi stabili

  • Ogni quanto bisogna pesarsi?

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: 29 morti e 84 nuovi casi ma pochi tamponi

  • Bonus bici valido a Milano, l'elenco dei Comuni: ecco come richiederlo

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: tamponi quasi 'spariti', dati ininfluenti

  • All'Antico Vinaio a Milano, il 15 giugno apre il mitico locale delle schiacciate fiorentine

Torna su
MilanoToday è in caricamento