Elezioni europee: assegnati a Milano 170 spazi per la propaganda diretta

Si tratta unicamente di propaganda diretta perché una legge, introdotta nel 2013, ha soppresso la propaganda indiretta

Il Comune di Milano metterà a disposizione 170 spazi destinati alla propaganda elettorale per le Elezioni Europee del 26 maggio prossimo. Lo ha stabilito una delibera della Giunta. Secondo la legge in vigore è infatti competenza delle Amministrazioni comunali individuare gli spazi di riferimento per la propaganda elettorale.

Si tratta unicamente di propaganda diretta perché una legge, introdotta nel 2013, ha soppresso la propaganda indiretta e ridotto ad un terzo il numero degli spazi da destinare alla propaganda diretta per i comuni con una popolazione residente superiore ai 500mila abitanti.

A Milano ci sarano 170 spazi

A Milano, in ognuno dei 170 spazi, per ogni lista ammessa sarà destinato uno spazio sugli appositi tabelloni metallici pari a 1 metro di base per 2 metri di altezza. Il Comune provvederà, nel periodo che intercorre tra il 33° e il 31° giorno antecedente a quello della votazione, ad individuare gli spazi da destinare alle affissioni, distintamente per ogni lista ammessa, in ogni singolo Municipio.

Elezioni Europee 2019, i candidati dei partiti da Milano e dalla Lombardia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, turista sequestrata e violentata dentro un McDonald's: le fratturano anche il naso

  • La procura sequestra il Villaggio di Natale a Milano: a rischio l'apertura del mega parco

  • Primark apre un altro negozio milanese: il 4 dicembre inaugura il mega store al Fiordaliso

  • La metro è sempre più grande, ecco i soldi per prolungare la M5: 11 nuove stazioni sulla lilla

  • La Dea bendata bacia il Milanese: vincita record con il concorso di sabato del Lotto

  • Incidente a Milano, perde il controllo dell'auto: finisce nel ristorante, paura in piazzale Martini

Torna su
MilanoToday è in caricamento