Coronavirus, gli "angeli" che di notte portano i respiratori a Milano: "Stavo per piangere"

Croce Rossa e gli strumenti per allestire posti in terapia intensiva. Le parole di Gallera

Il camion con tutte le attrezzature

Un'ora per caricare il camion con tutto il necessario. Poi, quasi seicento chilometri e più di sei ore di viaggio in un'Italia deserta, in ginocchio. E alla fine l'arrivo a bordo di quello stesso camion, al termine di un percorso che può salvare vite. Sì, perché a volte gli angeli non hanno le ali, ma indossano felpe rosse e "volano" a bordo dei tir. 

Come hanno fatto i volontari della Croce rossa che hanno viaggiato per tutta la notte tra lunedì e martedì per portare a Milano tutti gli strumenti necessari per allestire nuovi posti di terapia intensiva e continuare a combattere la guerra contro il Coronavirus, che nella sola Lombardia ha fatto già registrare oltre 14mila contagi e più di 1300 morti.

La chiamata è arrivata lunedì sera, dopo cena. I ragazzi del centro nazionale emergenza di Roma hanno immediatamente risposto presente e in circa sessanta minuti sono riusciti a mettere su un camion pompe, siringhe, monitor e - soprattutto - trenta respiratori, tutto materiale donato dalla Croce rossa cinese a quella italiana. A quel punto, il mezzo è partito alla volta di Milano, dove è arrivato in mattinata. 

I respiratori saranno immediatamente utilizzati per dare aiuto a un sistema sanitario - quello lombardo - che è sempre più messo a dura prova e che combatte ogni giorno nella speranza di trovare nuovi posti letto per i contagiati. Una grande mano potrebbe arrivare dall'ospedale in Fiera - i lavori sono ripartiti dopo lo stop dei giorni scorsi -, ma ci vorrà ancora un po'. 

Foto - Arosio e Gallera all'arrivo dei respiratori

respiratori croce rossa gallera-2

"Eravamo quasi a 0 posti letto"

Intanto, una prima boccata d'aria è arrivata. "Noi lavoriamo sulle ore - ha spiegato ad Agorà martedì mattina l'assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera - ora vado con Arosio - Antonio, il presidente di Croce rossa Lombardia - a recuperare trenta respiratori", ha detto l'assessore riferendosi proprio al carico da Roma. 

"Ieri eravamo quasi a zero come posti letto in terapia intensiva - ha ammesso Gallera -. Quando alle 10 è arrivata la notizia di questi trenta respiratori, io mi sono quasi messo a piangere, per la tensione della giornata e per la bellissima notizia". 

"Abbiamo già approntato altri posti che aspettavano soltanto i respiratori e il personale farà l'ennesimo sforzo straordinario - ha sottolineato l'assessore -. Vuol dire che diamo una speranza a trenta lombardi in più. A me vengono i brividi perché arriviamo a momenti in cui facciamo fatica a trovare un posto letto. Questi trenta resporatori per noi è dare una speranza a trenta persone che fanno fatica a respirare". 

"Consentirà a 30 cittadini di poter continuare a respirare"

"Sono le 9 del mattino, sono qui in Fiera. Ha viaggiato un camion della Croce rossa per tutta la notte e ci ha portato materiale per la sub intensiva che arriva direttamente dalla Cina", ha commentato Gallera al momento dell'arrivo del tir. 

È un aiuto concreto che consentirà a trenta nostri concittadini oggi di poter continuare a respirare", ha concluso l'assessore. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • Coronavirus, il bollettino: 441 nuovi casi in Lombardia, ma terapie intensive sotto i 200

  • Spostamenti fuori regione dal 3 giugno: la Lombardia rischia di rimanere chiusa altre 2 settimane

  • Coronavirus, bollettino: altri 285 casi. "Nessun decesso segnalato" in Lombardia in un giorno

  • Coronavirus, distanziamento al ristorante: in Lombardia regole diverse ed è polemica

  • Bollettino coronavirus Lombardia e Milano: solo 8 contagi a Milano, 620 positivi in meno in Lombardia

Torna su
MilanoToday è in caricamento