Sciopero generale 8 marzo a Milano, treni fermi per 21 ore: gli orari e le fasce di garanzia

Stop ai treni da mezzanotte alle 21 di venerdì 8 marzo, giornata dello sciopero generale

"Venerdì nero" in arrivo. L'8 marzo è infatti il giorno scelto dai sindacati e dall'associazione femminista "Non una di meno" per lo sciopero generale

I maggiori disagi, come sempre, potranno verificarsi nel settore dei trasporti, che rischia seriamente di paralizzare le città, Milano compresa. I pendolari Trenord, infatti, si troveranno a fare i conti con una vera e propria serrata, che durerà per 21 ore. 

Sciopero 8 marzo: orario treni 

"Si comunica che l'Unione Sindacale Italiana, l'Unione Sindacale di Base, le organizzazioni sindacali Cub Trasporti e Sgb e le Confederazioni di Base - SI Cobas e Cobas del Lavoro Privato - hanno indetto uno sciopero generale dei settori pubblico e privato che coinvolgerà il settore del trasporto ferroviario dalle ore 00:00 alle 21:00 di venerdì 8 marzo", ha fatto sapere la stessa Trenord in una nota ufficiale.

"Saranno vigenti - ha chiarito l'azienda - le consuete fasce orarie di garanzia, dalle ore 6:00 alle 9:00 e dalle 18:00 alle 21:00, durante le quali circoleranno i treni rientranti nella lista dei servizi minimi garantiti". 

Quindi: i treni circoleranno dalle 6 alle 9 del mattino e dalle 18 alle 21. Per il resto, il rischio caos è concreto. 

"Autobus sostitutivi diretti saranno istituiti, limitatamente ai soli collegamenti aeroportuali di "Milano Cadorna - Malpensa Aeroporto" e "Malpensa Aeroporto - Stabio", in caso di cancellazione delle corse. Essendo ipotizzabili ripercussioni a conclusione della mobilitazione - ha concluso Trenord - vi invitiamo a prestare attenzione sia gli annunci sonori diffusi nelle stazioni, che alle informazioni in scorrimento sui monitor". 

A rischio - oltre ai mezzi Atm a Milano città - anche i treni Trenitalia, che ha pubblicato una lista dei convogli garantiti, e di Italo

Corteo a Milano e motivi dello sciopero

Nello stesso giorno sotto la Madonnina si terrà anche il corteo dell'orgoglio femminista, organizzato - come sempre - proprio da "Non una di meno"

"Lo sciopero nasce dalla necessità di rimettere al centro del discorso le disuguaglianze e la violenza di genere, in tutte le forme attraverso le quali pervadono l’intero arco della vita delle donne", spiega in una nota il collettivo.

"Uno sciopero dalle attività produttive e dai consumi, dal lavoro domestico e di cura, che ancora troppo spesso grava in via esclusiva sulle donne, siano esse native o migranti, che fungono da ammortizzatore sociale di un welfare sempre più privatizzato. Uno sciopero per dire basta alla violenza sulle donne, ai femminicidi, alle discriminazioni di genere e alle molestie nei luoghi di lavoro. Per il riconoscimento ed il finanziamento dei Centri Antiviolenza ed il sostegno economico per le donne che denunciano le violenze".

Foto - La locandina dello sciopero

sciopero non una di meno 8 marzo-2

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Milano usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Puzza a Milano, odore fortissimo invade la città: boom di segnalazioni. La spiegazione

  • Il pusher gli vende la carta: lui lo scaraventa nel vuoto per ammazzarlo, tradito dal video

  • Milano, bimbo di 5 anni precipita a scuola: soccorritori e prof con le lacrime agli occhi

  • Sciopero generale a Milano, rischio caos per i mezzi: stop di 24 ore a metro, bus Atm e treni

  • Milano, dramma a scuola: bimbo di cinque anni precipita nel vuoto dalle scale, è gravissimo

  • Milano, incidente tra un bus e un'auto in via Giordani: una donna in coma e due bimbi feriti

Torna su
MilanoToday è in caricamento