Da Auchan a Conad, 3mila lavoratori a rischio: "È Natale o Halloween? Non siamo fantasmi"

Protesta lunedì sotto la regione dei lavoratori ex Auchan e Simply "inglobati" da Conad

La protesta

Antivigilia di rabbia e protesta per i dipendenti Auchan e Simply coinvolti nella riorganizzazione aziendale a firma Conad, che mette a serio rischio il loro futuro. I manifestanti, supportati da tutti i sindacati di settore, si sono ritrovati in piazza città di Lombardia per esprimere tutti i loro dubbi sul piano getta nubi nerissime sulla testa di oltre 3mila lavoratori soltanto in Lombardia

"Ma è Natale o Halloween? - si legge in un volantino dei manifestanti, che dicono di sentirsi fantasmi e che avevano già acceso la luce sulla loro situazione durante la Prima alla Scala -. A Natale non vogliamo regali, chiediamo solo solidarietà verso la nostra lotta e che questo gruppo di migliaia di lavoratrici e lavoratori, che nonostante tutto continuano a lavorare con professionalità e impegno, non venga distrutto per sempre”.  

"L’acquisizione della rete di vendita di Auchan e Sma da parte di Conad riguarda 6.600 dipendenti in Lombardia, di cui 3.100 non inclusi nel progetto di passaggio", mettono nero su bianco i sindacati denunciando la situazione. E i numeri fanno paura: i lavoratori a rischio sono "ben 650 sono solo nella sede di Rozzano" e "oltre 1.000 nei sette ipermercati sul territorio che ancora non hanno trovato una destinazione". 

“Negli ipermercati si prevede una riduzione delle superfici dei punti vendita mediamente del 30-50% - hanno spiegato  Filcams Cgil, Fisascat Cisl e UilTucs Lombardia -. E questo significa un forte rischio che Conad crei una “bad company” dove abbandonare i lavoratori in esubero". In più, sempre secondo i rappresentanti dei lavoratori, "nei negozi già passati, i lavoratori stanno soffrendo per un peggioramento delle condizioni di lavoro". 

"Il governo faccia la sua parte"

Una rappresentanza di manifestanti è stata ricevuta da Melania Rizzoli, assessore al Lavoro di regione Lombardia. "Il Ministero dello Sviluppo Economico - ha detto l'assessore - si sintonizzi con i territori e con i lavoratori. Quando ci sono eventi come questo, bisogna stare tutti uniti: Regione Lombardia c'è, per contribuire a salvaguardare non solo i posti di lavoro ma anche la dignità delle persone. Chiediamo anche al Mise di esigere chiarezza sul piano industriale di Conad che, al momento, non è chiaro: i dipendenti, infatti, non sono a conoscenza di quale sarà il loro futuro".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'incontro con i lavoratori è stato molto proficuo - ha poi commentato la Rizzoli -. Noi siamo pronti a fare la nostra parte, ma anche il Governo faccia sentire la sua presenza: non è giusto che i dipendenti di Auchan e di Conad non sappiano se il punto vendita nel quale lavorano sarà chiuso oppure no e questo non è certo un elemento che consente di trascorrere un buon Natale a chi sta vivendo una situazione di così grave incertezza".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'odissea sul Ryanair: imbarco negato con il biglietto e ragazzo 'abbandonato' in aeroporto

  • Uccide soffocando i suoi due figli gemelli. Aveva scritto sms alla madre: "Non li rivedrai più"

  • Consultori di Milano: indirizzi, orari e numeri utili

  • Accoltellato mentre cammina nei pressi del Parco Trotter, grave un 30enne all'alba

  • Omicidio in via Trilussa a Milano, sale dal vicino nel cuore della notte e lo uccide

  • Elena e Diego, i gemellini milanesi uccisi dal loro papà: ecco le prime verità dell'autopsia

Torna su
MilanoToday è in caricamento