menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ragazzino fermato in strada: "Vado dalla fidanzata", denunciato per il decreto Coronavirus

Il giovane, 17 anni, è stato denunciato dai carabinieri dopo il nuovo decreto "Io resto a casa"

Non basta neanche l'amore. Un ragazzino di 17 anni è stato denunciato martedì mattina dai carabinieri della compagnia di Corsico dopo essere stato trovato in giro per Cornaredo e fermato. 

Il decreto del governo "Io resto a casa", emanato per cercare di contenere l'emergenza Coronavirus, stabilisce infatti che i cittadini possono lasciare le proprie abitazioni soltanto per andare a lavoro o per "ragioni di salute o per altre necessità, quali, per esempio, l’acquisto di beni essenziali". Lo stesso decreto, pubblicato nella sua forma definitiva lunedì sera, stabilisce anche che chiunque venga trovato in giro dovrà compilare un'autocertificazione con i motivi che avrà poi valore legale. 

Il 17enne, però, evidentemente non aveva nessun "valido motivo". Quando i militari lo hanno controllato in via Garibaldi, infatti, ha semplicemente detto che era venuto da Vittuone - dove vive - a Cornaredo per incontrare la sua fidanzata. 

A quel punto, i militari non hanno potuto far altro che denunciarlo per l'articolo 650 del codice penale, che punisce con "l'arresto fino a tre mesi chiunque non osserva un provvedimento legalmente dato dall'autorità per ragione di giustizia o di sicurezza pubblica". 

La stessa sorte, nella serata di lunedì, era toccata a una prostituta e a un suo cliente che erano stati sorpresi in auto a Busto Arsizio. Anche per loro non c'erano "validi motivi". 

Coronavirus, festa di laurea nonostante il divieto: finisce male

Ecco il primo denunciato per il decreto: non firma l'autocertificazione

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento