Coronavirus, il modulo di autocertificazione

Con l'emanazione del decreto coronavirus gli italiani sono invitati a restare a casa: chi ha necessità di muoversi dovrà portare con se una autocertificazione da esibire ai controlli

L'epidemia di coronavirus in Italia impone da parte di tutti il rispetto rigoroso di precauzioni sanitarie per evitare il contagio da Covid-19, nonché, la collaborazione con le Autorità e le forze di Polizia chiamate a prestare aiuto e soccorso in supporto a chi ne ha bisogno.

Nell’ultimo decreto del Presidente del Consiglio dei ministri dell'9marzo 2020, sono state rafforzate le misure di contenimento in tutta Italia, applicando le limitazioni allo spostamento delle persone fisiche già previste nelle zone a maggior rischio.

Il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese ha emesso una direttiva in cui specifica le modalità con cui saranno effettuati i controlli su strade, autostrade, stazioni, porti e aeroporti per garantire il rispetto delle misure varate dal Governo. Servirà quindi una autocerficazione per motivare le esigenze connesse alla mobilità. 

Come spiega il Governo ci si può mettere in viaggio per

  • comprovate esigenze lavorative;
  • situazioni di necessità;
  • motivi di salute;
  • rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

La motivazione del viaggio deve essere inoltre esplicitata compilando un modulo come questo.

Coronavirus, il modulo di autocertificazione

AUTODICHIARAZIONE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 28 DICEMBRE 2000, N. 445

Il sottoscritto , nato il a , residente in -- Via identificato a mezzo nr. utenza telefonica ____, consapevole delle conseguenze penali previste in caso di dichiarazioni mendaci a pubblico ufficiale (art. 76 D.P.R. n. 445/2000 e art 495 c.p.)

DICHIARA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA'

  • Di essere in transito da proveniente da -- e diretto a --
  • Di essere a conoscenza delle misure di contenimento del contagio di cui all'art. 1, lett. a) del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 9 marzo 2020, nonché delle sanzioni previste dall'art. 4, co. 1, dello stesso decreto in caso di inottemperanza (art. 650 C.P. salvo che il fatto non costituisca più grave reato);

Che il viaggio è determinato da:

  • comprovate esigenze lavorative;
  • situazioni di necessità;
  • motivi di salute;
  • rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

A questo riguardo, dichiaro che

  • Lavoro presso...
  • Sto rientrando al mio domicilio sito in... 
  • Devo effettuare una visita medica presso...
  • Altri motivi (elencare)

Il modulo deve infine contenere la data e la firma del dichiarante.

Coronavirus, come avvengono i controlli

È bene ricordare che un divieto assoluto, che non ammette eccezioni, è previsto per le persone sottoposte alla misura della quarantena o che sono risultate positive al virus. Si raccomanda il rigoroso rispetto delle indicazioni fornite dalle autorità e l’adozione di comportamenti responsabili. La collaborazione di tutti è fondamentale.

In una nota pubblicata lunedì 9 marzo il Viminale ha smentito la fake news su fantomatici controlli di polizia per chi esce di casa.

I controlli sul rispetto delle limitazioni della mobilità avverranno lungo le linee di comunicazione e le grandi infrastrutture del sistema dei trasporti.

Per quanto riguarda la rete autostradale e la viabilità principale, la polizia stradale procederà ad effettuare i controlli acquisendo le prescritte autodichiarazioni.

Lungo la viabilità ordinaria i controlli saranno svolti oltre che dalla Polizia anche dall’Arma dei carabinieri e dalle polizie municipali.

Coronavirus, termoscan anche nelle stazioni

Nelle stazioni ferroviaria la Polizia ferroviaria curerà, con la collaborazione del personale delle ferrovie dello Stato, delle autorità sanitarie e della Protezione civile, alla canalizzazione dei passeggeri in entrata e in uscita dalle stazioni al fine di consentire le verifiche speditive sullo stato di salute dei viaggiatori anche attraverso apparecchi “termoscan”. Inoltre saranno attuati controlli sui viaggiatori acquisendo le autodichiarazioni.

Negli aeroporti i passeggeri in partenza saranno sottoposti al controllo, oltre che del possesso del titolo di viaggio, anche della prescritta autocertificazione. Analoghi controlli verranno effettuati nei voli in arrivo nelle predette aree. Restano esclusi i passeggeri in transito.

Per i voli Schengen ed extra Schengen in partenza, le autocertificazioni saranno richieste unicamente per i residenti o domiciliati nei territori soggetti a limitazioni. Nei voli Schengen ed extra Schengen in arrivo, i passeggeri dovranno motivare lo scopo del viaggio all’atto dell’ingresso.

Coronavirus, autocertificazione e controlli

La veridicità dell’autodichiarazione potrà essere verificata anche con successivi controlli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La sanzione per chi viola le limitazioni agli spostamenti prevede l'arresto fino a tre mesi o l’ammenda fino 206 euro salvo che non si possa configurare un’ipotesi più grave quale quella prevista dall’articolo 452 del Codice penale (delitti colposi contro la salute pubblica che persegue tutte le condotte idonee a produrre un pericolo per la salute pubblica).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La provocazione di Cracco in Galleria (Milano): ai suoi clienti solo mezza pizza

  • L'anziana che ha "truffato" i truffatori: così una 87enne ha fatto arrestare la "nipote" a Milano

  • Trovato morto a 47 anni Alessandro Catone, il "Porco schifo" di YouTube

  • Il maltempo fa paura: "Forti temporali in arrivo, fino a 150mm di acqua in 6 ore" (Poi la grandine)

  • Milano, ecco lo store di Off-White in pieno centro: è il brand per cui tutti si mettono in fila

  • Milano: folle fuga dei rapinatori contromano, i poliziotti li prendono a schiaffi e calci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento