Procura di Milano, nuovo caso di positività. Ma in Tribunale il tracciamento funziona

Il quinto caso si aggiunge a quello di giudici e tirocinanti

Sarebbe il quinto caso di Coronavirus in procura di Milano, quello che ha portato a sanificare in modo particolare (chiudendolo per alcune ore) un corridoio della procura con gli uffici relativi. E' scattato anche il tracciamento, con l'indicazione dell'isolamento fiduciario per coloro che sono entrati in contatto con questo nuovo caso di positività.

Per limitare al massimo il rischio di contagio è stato disposto che i tirocinanti non si presentino negli uffici e che i contatti tra avvocati e uffici dei magistrati avvengano via email o al telefono. A marzo a Palazzo di Giustizia si erano verificati vari casi di contagio con due persone morte.  

Altre persone positive al Covid graviterebbero attorno al Tribunale; in particolare magistrati in tirocinio, giudici, un ufficiale di polizia giudiziaria. Fino a questo momento non c'è comunque preoccupazione perché si è riusciti a tenere il tracciamento dei contatti dei positivi. La camera penale milanese chiede però al governo nazionale un provvedimento definitivo riguardo all'uso della Pec (posta elettronica certificata) per depositare qualunque atto difensivo da parte degli avvocati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Vitamina D, che cosa mangiare per farne il pieno

  • Milano, Metropolitana M4: ecco le prime immagini della fermata dell'aeroporto Linate

  • Milano, festa al parchetto con gli amici: mix di alcol e droga, ragazzina 16enne in coma

  • Covid, Milano si sveglia in zona arancione: riaprono i negozi. Galli: "Scelta politica"

Torna su
MilanoToday è in caricamento