Covid: undici imprese di Milano, Monza, Lodi e Pavia in campo contro l'emergenza alimentare

L'iniziativa promossa da Assolombarda

Undici imprese di Milano, Monza-Brianza, Lodi e Pavia hanno deciso di donare i loro prodotti alimentari a realtà del terzo settore, con l'obiettivo di aiutare le famiglie più in difficoltà a causa dell'emergenza Covid. Lo rende noto Assolombarda: «Oggi il tema dell'inclusione sociale merita un'attenzione straordinaria. In particolare, alla luce del riaggravarsi della pandemia e della stretta sulle realtà economico produttive del nostro territorio, che ancora pagano le conseguenze dell'ultimo lockdown e oggi le prospettive incerte per il futuro. Dagli eventi alla cultura, dai servizi al turismo e la ristorazione», si legge nel comunicato.

«Costruire uno sviluppo inclusivo e sostenibile - si legge ancora - significa saper coniugare la dimensione economica con quella sociale e ambientale. Da qui dipende anche la missione dell'impresa, motore di sviluppo economico e leva di crescita e coesione sociale per la sua capacità di mobilitare le risorse di un territorio a favore della comunità e delle persone più fragili».

Le undici imprese doneranno uno stock di propri prodotti ad associazioni di volontariato, Onlus e parrocchie. A sua volta, l'advisory board per la responsabilità sociale delle imprese di Assolombarda, presieduto da Gabriella Magnoni Dompé, devolverà agli stessi enti un corrispettivo in denaro pari al valore dei prodotti donati dalle aziende.

Le undici aziende e le realtà del terzo settore

Sul territorio di Milano, hanno aderito Coca Cola HBC Italia, Ferrarelle, Rummo e sei realtà locali: l'Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII e Pane Quotidiano; la parrocchia di San Michele Arcangelo e Santa Rita e la parrocchia di Sant’Eugenio (entrambe in zona Corvetto); la parrocchia Santa Lucia, la parrocchia Sant’Agnese e la parrocchia Resurrezione (a Quarto Oggiaro).

A Monza hanno partecipato Star e le associazioni Rete Pane e Rose e Banco di Solidarietà Madre Teresa Onlus.  Per quanto riguarda Lodi, tre imprese (Ferrari Giovanni, Molino Pagani e Solana) hanno donato i propri prodotti alimentari all'Associazione Progetto Insieme. Infine, a Pavia hanno aderito le aziende Antaar, Fratelli Carli, Panificio San Francesco e Riso Gallo, oltre alla parrocchia del Santissimo Salvatore.

«Sostenere i più fragili - dichiara Gabriella Magnoni Dompé - è uno dei pilastri della nostra azione, che oggi in questo momento di forte crisi diventa ancora più urgente. Per questo motivo siamo contenti di poter donare il nostro contributo sostenendo in modo concreto l’economia delle famiglie, che il Covid ha colpito molto duramente anche nelle spese quotidiane come il pagamento delle bollette o fare la spesa. Un impegno, frutto della virtuosa collaborazione tra imprese, associazioni, enti e organizzazioni non profit, che mette in luce la capacità di fare sistema delle imprese e il grande valore della collaborazione pubblico-privata per il territorio e per la comunità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Vitamina D, che cosa mangiare per farne il pieno

  • Milano, Metropolitana M4: ecco le prime immagini della fermata dell'aeroporto Linate

  • Milano, festa al parchetto con gli amici: mix di alcol e droga, ragazzina 16enne in coma

  • Covid, Milano si sveglia in zona arancione: riaprono i negozi. Galli: "Scelta politica"

Torna su
MilanoToday è in caricamento