Coronavirus, la Lombardia dice sì ai tamponi rapidi: test al via in scuole e pronto soccorso

Lo ha annunciato il direttore generale dell'assessorato al welfare: ordinati 1,2 milioni di pezzi

Via ai test rapidi. Dalla prossima settimana regione Lombardia inizierà a utilizzare in via sperimentali anche i tamponi rapidi per la diagnosi del coronavirus. Al momento, almeno nella fase iniziale del "progetto", l'ambito di applicazione sarà abbastanza ristretto: si partirà da scuole e pronto soccorso. 

A renderlo noto, mercoledì, durante la commissione consiliare sanità, è stato il direttore generale dell'assessorato al welfare, Marco Trivelli. "In questo momento - ha spiegato - abbiamo delle dotazioni sperimentali con quantitativi limitati. Noi inizieremo a utilizzare dalla settimana prossima i tamponi rapidi in due ambiti: quello dei pronto soccorso e quello scolastico, in aree specifiche, proprio per capire l'impatto a livello organizzativo". I tamponi saranno poi utilizzati anche in futuro perché dal Pirellone ne sono stati ordinati 1 milione e 200mila e le "consegne - ha aggiunto Trivelli - sono previste tra fine ottobre e inizio novembre".

Lo stesso Trivelli si è poi soffermato sul numero di tamponi, alto, che vengono effettuati giornalmente. "La capacità cresce di settimana in settimana, in questo momento noi possiamo stabilmente fare 22-23 mila" ma per i mesi invernali di dicembre, gennaio e febbraio, "in cui ci può essere una maggiore richiesta di diagnostica, vorremmo arrivare a 40 mila. Sicuramente - ha concluso - arriveranno in supporto anche le nuove metodiche dei tamponi rapidi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

  • Violenza sessuale a Milano, ragazza stuprata dal cugino del padre: "Se parli ti taglio la testa"

  • Milano diventa città "smoke free": sigarette all'aperto vietate, si fuma solo in 'luoghi isolati'

Torna su
MilanoToday è in caricamento