rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
Coronavirus Duomo / Via Silvio Pellico

La festa di Pasqua nella casa in centro vista Duomo finisce male

Blitz della polizia alle due di notte. Nella casa, presa in affitto, erano in 8

Musica, alcol e divertimento. Almeno fino all'arrivo della Volante. Nella notte tra domenica e lunedì, tra Pasqua e Pasquetta, gli agenti della Questura hanno interrotto una festa "clandestina" in un appartamento in pieno centro a Milano. 

L'allarme, dato da alcuni residenti di zona, è scattato verso le 2, quando i testimoni hanno segnalato schiamazzi e musica ad alto volume arrivare da una casa di via Silvio Pellico, la stradina che costeggia Galleria Vittorio Emanuele e che porta proprio in piazza del Duomo. 

Al loro arrivo, gli agenti sono entrati nel condominio e fuori da un'abitazione, sul pianerottolo, hanno trovato un giovane che attendeva una consegna dopo aver ordinato del cibo a domicilio. È bastato poco ai poliziotti per entrare in casa e scoprire che era proprio quello l'appartamento teatro del party. 

Gli agenti hanno identificato gli otto presenti: cinque ragazzi italiani tra i 20 e i 31 anni e tre ragazze - una finlandese, una salvadoregna e una brasiliana -, tutte 20enni. I giovani sono stati sanzionati con multe da 400 euro ciascuno per aver violato le norme anti covid, che vietano espressamente gli assembramenti in casa. L'appartamento, hanno accertato i poliziotti, era stato preso in affitto da un 28enne, che aveva poi organizzato la festa per Pasqua. 

Poco prima a finire nei guai, nella serata di domenica, era invece stato il titolare di un locale sui Navigli che, nonostante la saracinesca abbassata, aveva aperto le porte a 11 clienti: anche per loro multe e ritorno a casa. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La festa di Pasqua nella casa in centro vista Duomo finisce male

MilanoToday è in caricamento