Lunedì, 14 Giugno 2021

Piccole curiosità, storie, aneddoti e leggende all'ombra della Madonnina

T'el see che a Milan... ? Chinatown / Via Paolo Sarpi

Perché a Milano i cinesi non muoiono? In Paolo Sarpi ancora nessuno nel 2016

Il mistero ha due possibili spiegazioni: i cinesi di seconda generazione sono sempre più spesso italiani e quindi "escono" dalla statistica; e i più anziani preferiscono morire in patria

Via Paolo Sarpi: qui ancora nessun cinese morto nel 2016

Quattordici cinesi morti nel 2016, su circa 29 mila residenti a Milano. La statistica - riferita da TgCom e Il Giornale - viene direttamente dall'anagrafe cittadina e in qualche modo conferma la diffusa diceria secondo cui i cinesi a Milano "non muoiono". Accompagnata di solito dalla domanda di rito: "L'avete mai visto, un funerale di un cinese sotto la Madonnina?".

Naturalmente, diverse leggende metropolitane si sono diffuse negli anni a partire da dati come questo. Quella più classica, "che carne pensate di mangiare nei loro ristoranti?", non ha mai avuto un riscontro reale. E poi quelle che ipotizzano "traffici" di cadaveri via nave per "salvare" i documenti, preziosi visto che la Cina è un Paese extracomunitario.

In zona Paolo Sarpi, quella che tradizionalmente è la "Chinatown" meneghina, numeri ancor più bassi: nessun morto cinese in zona nel 2016 contro 21 nati. Pochi morti anche negli anni passati: due nel 2013 e nel 2014, uno nel 2015. 

Al di là delle leggende d'occasione, i motivi sembrano essere essenzialmente due: i cinesi più anziani, quando si ammalano, preferiscono tornare nel Paese d'origine per accedere a cure più economiche. E i cinesi più giovani, sempre più di frequente, sono in realtà di nazionalità italiana, per cui escono dalle statistiche sugli stranieri, comprese quelle anagrafiche.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perché a Milano i cinesi non muoiono? In Paolo Sarpi ancora nessuno nel 2016

MilanoToday è in caricamento