rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Elezioni comunali 2016

Sindaco di Milano, sondaggio: in vetta Pisapia (e Sala) e Salvini (e Passera)

I due nomi preferiti dagli elettori dei rispettivi schieramenti sono quelli di Pisapia (che non si ricandiderà) e di Salvini (che preferisce sfidare Renzi al governo). La sorpresa di Passera

Dopo il sondaggio Ipsos di Nando Pagnoncelli per il Corriere della Sera, ecco un nuovo sondaggio, questa volta di Datamedia, sulle intenzioni di voto dei milanesi. Nel frattempo tutti aspettano la decisione di Giuseppe Sala, il commissario di Expo, che finora aveva sempre detto di non voler pensare alla candidatura a sindaco perché era in corso l'esposizione universale. Sala si candiderebbe con il centrosinistra ed è molto apprezzato dal premier (e segretario del Pd) Matteo Renzi, ma non dall'ala sinistra della coalizione, tanto che si era ipotizzato un "ticket" con Cristina Tajani (assessore al lavoro, di Sel) vicesindaco.

CENTROSINISTRA

Il preferito resta però il sindaco attuale, Giuliano Pisapia, con il 38% delle preferenze degli elettori di centrosinistra. Pisapia, tuttavia, da più di sei mesi ha fatto sapere di non intendere ricandidarsi per un secondo mandato. Giuseppe Sala è secondo con il 19,7% mentre Stefano Boeri, già sconfitto da Pisapia alle primarie del 2010, è terzo. Spunta poi Maurizio Martina, 6,6%. L'attuale ministro dell'agricoltura è stato sui giornali parecchie volte durante l'esposizione, che aveva per tema la nutrizione del pianeta.

Per trovare il primo di quelli che, ufficialmente, si sono candidati alle primarie, occorre arrivare alla quinta posizione, con Pierfrancesco Majorino, assessore alle politiche sociali: per lui si esprime il 5,2% degli elettori di centrosinistra. Segue il vicesindaco e assessore al bilancio Francesca Balzani, con il 4%, poi un altro candidato ufficiale alle primarie, il deputato Pd Emanuele Fiano, col 2,9%.

Il 25,7% non vorrebbe nessuno di questi nomi mentre il 13,3% si dichiara astensionista.

CENTRODESTRA

I partiti di centrodestra non hanno ancora trovato "la quadra", dopo avere tentato più volte invano di corteggiare il giornalista Paolo Del Debbio, con un passato da assessore a Milano. Del Debbio ha sempre detto di non essere interessato, dunque la ricerca del nome non è ancora conclusa. Finora si sono rincorse voci piuttosto improbabili, dall'ex sindaco di Segrate Adriano Alessandrini all'ex calciatore Demetrio Albertini

Il nome "forte" resta quello di Matteo Salvini, il leader nazionale della Lega Nord, che non ha mai fatto mistero di preferire la sfida a Matteo Renzi per il governo. Sarebbe dunque anche lui fuori dal gioco. Ma raccoglie il 24,3% delle preferenze degli elettori di centrodestra. A sorpresa il secondo nome è quello di Corrado Passera, che si è ufficialmente candidato a sindaco con Italia Unica, il movimento da lui recentemente fondato. Passera, prima top manager e poi ministro dello sviluppo economico nel governo Monti, si autodefinisce alternativo alla sinistra ma non è gradito da tutto il centrodestra, in particolare proprio dalla Lega e proprio per il suo passato nel governo centrista. Passera raccoglie comunque il 17,8% delle preferenze.

Resta tra i preferiti tra i moderati Paolo Del Debbio, col 14,6%. Seguono Maurizio Lupi, ex ministro dei trasporti per Ncd nel governo Renzi, e l'editore (e presidente del Torino) Urbano Cairo, con l'8% ciascuno. Il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli è indicato dal 4,7%, mentre Adriano Alessandrini è accreditato al 2,2% delle preferenze. Infine Claudio De Albertis, presidente della Triennale, resta all'1,4% anche se ha già fatto sapere, anche lui, di non essere interessato, stavolta per via degli interessi immobiliari della sua famiglia.

Il 30% degli elettori di centrodestra non vorrebbe nessuno di questi nomi e il 17,6% si dichiara astensionista.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sindaco di Milano, sondaggio: in vetta Pisapia (e Sala) e Salvini (e Passera)

MilanoToday è in caricamento