rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Niguarda Bruzzano / Via Privata Senigallia

Via Senigallia, asserragliati a 50 metri d'altezza: “Non prendiamo lo stipendio da giugno”

Due operai sono saliti per protesta sulla gru di un cantiere edile di via Senigallia, in città. Si sono chiusi nella cabina di manovra e manifestano contro i mancati pagamenti

"Non prendiamo lo stipendio da giugno e qualcuno non vede soldi anche da sei mesi". Sarebbe questa la disperata motivazione che ha condotto due operai edili a salire su una gru del cantiere di via Senigallia, 1 a Milano. Rispetto a questa mattina, però, c'è stato un cambio: è sceso un operaio egiziano e al posto suo - a fare compagnia al collega rimasto sulla gru - è salito un operaio albanese.

Chiusi nella cabina di manovra, attendono che qualcosa si muova, appoggiati da alcuni colleghi che si sono assembrati sotto il traliccio, sorvegliati da un cordone di forze dell'ordine e da un'ambulanza del 118.

Ad assistere i manifestanti, anche Roberto Ripamonti, funzionario della Fillea-Cgil. Per il sindacalista sarebbe spettato al Comune - committente del cantiere - vigilare sulla regolarità di tutto l'appalto - stipendi compresi - vinto da una ditta edile di Paderno Dugnano.

Il 28 giugno scorso, altri due operai si erano arrampicati, rischiando una insolazione, su una gru nel cantiere di via dei Panigarola. Il motivo sempre lo stesso: mancati pagamenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Senigallia, asserragliati a 50 metri d'altezza: “Non prendiamo lo stipendio da giugno”

MilanoToday è in caricamento