rotate-mobile
Venerdì, 27 Maggio 2022
Bollate Bollate / Via Martiri della Libertà

Mastrosanti: «Bisogna combattere la cultura della violenza»

L'assessore alle pari opportunità del Comune di Bollate Marinella Mastrosanti ha voluto parlare a 360° a margine della presentazione del progetto contro la violenza di genere "Nemmeno con un fiore"

L'assessore alle pari opportunità del Comune di Bollate Marinella Mastrosanti ha voluto parlare a 360° a margine della presentazione del progetto contro la violenza di genere per il territorio di Bollate "Nemmeno con un fiore".

Così l'assessore: «Quest’estate il Consiglio dei Ministri ha approvato un Decreto legge che contiene norme per contrastare il femminicidio. I 12 articoli, che declinano buona parte dei principi della Convenzione di Istanbul, mirano a prevenire la violenza di genere, a punire in modo certo e a proteggere le vittime».

Ancora l'assessore: «In particolare prevedono pene più severe se alla violenza assiste un minorenne (fino ai 18 anni), se la donna è incinta, se l’aggressore è il coniuge o il compagno. Inoltre il decreto rende la querela irrevocabile, punisce più severamente il cyberbullismo, prescrive per il reo l’allontanamento  immediato da casa e il suo arresto in fragranza di reato. Se la vittima è straniera si provvederà al suo permesso di soggiorno, verranno garantiti processi rapidi e assistenza legale gratuita alle vittime». 

Ancora Mastrosanti: «Le leggi sono importanti, ma a volte non bastano, come in questo caso: infatti è già stato sottolineato che il decreto rispetto ai tre obiettivi, accentua soprattutto l’aspetto punitivo mentre molto più importante sarebbe combattere la matrice culturale della violenza e ciò implica un lavoro importante sul fronte sociale, educativo, formativo e informativo. E qui entriamo in gioco tutti, e le istituzioni locali possono fare la loro parte». 

Incalza l'assessore: «Se non si aiutano le donne con percorsi mirati a sganciarsi dalla relazione allontanandole dal pericolo, offrendo sostegno e percorsi di autonomia, anche economica, gli interventi risulteranno inefficaci. Questo rende particolarmente significativo il progetto "Nemmeno con un fiore": un conto corrente che dona la speranza: la speranza di potercela fare». 

Le iniziative che verranno organizzate a Bollate avranno lo scopo di sensibilizzare rispetto al tema della violenza di genere e serviranno ad alimentare un fondo dedicato che permetterà di affrontare emergenze e risolvere  situazioni che richiedono interventi tempestivi. 

Termina l'assessore: «L’esperienza che si apre tra "Comuni insieme" e l’associazione "L’OraBlu", mi auguro possa diffondersi e ampliarsi così da creare una rete che, accompagni e sostenga anche economicamente chi deve affrontare un percorso difficile di ricostruzione del sé, di fiducia negli altri».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mastrosanti: «Bisogna combattere la cultura della violenza»

MilanoToday è in caricamento