menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Matteo Cormio, assessore di Bollate

Matteo Cormio, assessore di Bollate

Cormio: «Chi fa può sbagliare, chi fa nulla non è criticabile»

Dura risposta dell'assessore all'urbanistica Matteo Cormio alle parole di Pierluigi Catenacci. Uno scontro in materia urbanistica che ha come sfondo i progetti Ceruti, Timavo e Beretta: «Chi non fa o non ha fatto o costruito nulla, non può essere giudicato sulle opere»

L'assessore all'urbanistica di Bollate Matteo Cormio vuole precisare e rispondere a un articolo scritto dall'ex assessore Pierluigi Catenacci riguardante i progetti Ceruti, Bellini e Timavo.

Così Cormio: «Leggo con grande rammarico e con non poca sorpresa, soprattutto per i toni e le affermazioni usate, l’intervento a firma di Pierluigi Catenacci in merito al mio operato rispetto alla pianificazione urbanistica del territorio».

E ancora: «Pur senza scendere nel dettaglio delle critiche riguardanti tematiche di natura strettamente urbanistica, mosse peraltro da chi ha governato per anni questo Comune i cui risultati sono stati considerati insoddisfacenti dagli elettori alle ultime elezioni, voglio solo ribadire che il mio lavoro, attività di pianificazione in primis, si è sempre svolto e si svolgerà  sempre in modo trasparente, nel rispetto di quanto la legge consente agli amministratori pubblici e seguendo i corretti percorsi di condivisione previsti dal nostro ordinamento democratico».

Continua l'assessore: «A tale proposito, vorrei ricordare i numerosi momenti di partecipazione che questa Amministrazione, cosa mai fatta in passato, ha organizzato.  Considero le critiche su ciò che è stato fatto in questi anni ben accette se costruttive e fatte nell’interesse della collettività  e non se basate su accuse assurde e false».

Poi l'affondo finale: «Non ritengo di poter tollerare oltre, a differenza di quanto fatto fino a oggi, attacchi personali e giudizi lesivi della mia persona, nonchè insinuazioni come quelle lette nell’articolo in questione. Ritengo che solo chi lavora e si adopera, come tutti sappiamo, può anche sbagliare, purchè in buona fede e nel rispetto della legalità. Al contrario chi non fa o non ha fatto o costruito nulla, non può essere giudicato sulle opere. Perchè il nulla non ha nulla di criticabile».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Come sarà il nuovo piazzale Loreto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Cannabis (light) gratis con Isee fino a 40.000 euro

  • Sport

    Tanto col calcio vale tutto

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento