rotate-mobile
Giovedì, 29 Settembre 2022
Bollate Bollate / Via Aldo Moro

Vassallo sindaco part-time a Bollate, M5S e Lega attaccano

Francesco Vassallo ha annunciato che manterrà il proprio lavoro nel Comune di Cornaredo, "garantendo però la presenza ogni giorno in Comune e negli uffici della città di Bollate". E subito piovono critiche e attacchi da MoVimento 5 Stelle e Lega Nord

L'annuncio è di quelli che farà, anzi sta già facendo discutere. Il sindaco di Bollate Francesco Vassallo ha annunciato che manterrà il proprio lavoro nel Comune di Cornaredo, "garantendo la presenza ogni giorno in Comune e negli uffici della città di Bollate. Sarò presente in Comune ogni lunedì e mercoledì mattina, il martedì, giovedì e venerdì pomeriggio e in qualsiasi altro orario e giorno che dovesse servire la mia presenza".

Vassallo spiega la scelta: "In questo modo il Comune risparmia, per gli emolumenti, circa 15.000 euro all'anno che non vengono elargiti al sindaco. Quindi circa 75.000 euro nei 5 anni di amministrazione. Il risparmio non sarà del 10% come richiesto dal MoVimento 5 Stelle, ma del 50% (1.180 euro mensili anziché 2.360 euro)".

Questo annuncio ha subito scatenato le reazioni delle opposizioni. In primis il MoVimento 5 Stelle che risponde per bocca del consigliere comunale Massimiliano Mantovani: "A luglio abbiamo chiesto al consigliere M5S di Cornaredo di fare un'interrogazione in merito alla situazione lavorativa di Vassallo e abbiamo saputo che a Cornaredo il nostro sindaco non ha più l'incompatibilità nel rivestire due cariche perché ora non ha più la responsabilità dirigenziale in quel Comune".

Mantovani poi attacca: "I casi sono due: o in campagna elettorale ha mentito dicendo che avrebbe fatto il sindaco full-time e allora è un bugiardo; oppure non ha mentito, pensava che avrebbe preso di più come stipendio, ma poi ha fatto due conti e si accorto che avrebbe preso di meno, quindi semplicemente non sa fare i conti".

C'è un altro aspetto però, spiega Mantovani: "Vassallo nel suo annuncio fa passare la riduzione del 50% come se fosse un atto di buon cuore, quando in realtà è un fatto obbligatorio per legge in quanto è un dipendente che non lascia il suo lavoro per fare il sindaco".

Mantovani termina così: "La domanda che poniamo qui adesso è una: Bollate ha bisogno di un sindaco part-time o full-time? Per Vassallo è part-time, ma ci chiediamo come farà a seguire tutto quello che accade a Bollate quando sarà impegnato in Comune a Cornaredo. La nostra non è opposizione senza se e senza ma, tanto è vero che apprezziamo il progetto varato "100 opere in 100 giorni", ma critichiamo fortemente questa scelta personale del sindaco".

Non solo il MoVimento 5 Stelle ha polemizzato dopo l'annuncio di Vassallo, ma anche la Lega Nord tramite i consiglieri Carlo Vaghi e Fabio Boniardi.

Il primo sentenzia: "Vassallo a mistificare la realtà è bravo. Peccato, credevo volesse mantenere questa promessa elettorale".

Il secondo ironizza: "Potrebbe dare le dimissioni cosi fino alle prossime elezioni dovremmo pagare solo il commissario. Costerebbe sicuramente molto meno degli emolumenti suoi e di tutta la giunta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vassallo sindaco part-time a Bollate, M5S e Lega attaccano

MilanoToday è in caricamento