rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Bollate Bollate / Via Roma

Tre mesi di controlli contro gli abusivi: sequestri senza precedenti

Capi di abbigliamento, profumi, occhiali, cibo, ombrelli, borse e accessori vari: numeri impressionanti escono dalle operazioni congiunte di polizia e carabinieri di Bollate

Negli ultimi mesi il Comune di Bollate è impegnato con controlli e interventi di sequestro anti abusivismo commerciale parte della polizia locale, anche congiuntamente con i carabinieri della stazione di Bollate. 

Sottopassaggi, stazioni, mercati e tutte le zone tradizionalmente predilette dai venditori irregolari sono diventate oggetto di continui controlli, e da quattro domeniche da presidi finalizzati a evitare l’esercizio abusivo a monte. 

L’amministrazione comunale, infatti, si è data l’obiettivo, anche in vista di Expo, di attivare concrete strategie di contrasto e di eliminazione del fenomeno.

A presentare i risultati degli ultimi tre mesi di controlli sono il sindaco Stefania Lorusso, l’assessore alla Sicurezza Fabio Boniardi e il comandante Antonello Martelengo presente con i suoi uomini della polizia locale di Bollate.

I numeri sono importanti: oltre 50 capi di abbigliamento (da jeans a giubbotti a magliette, con marchi vari contraffatti tra cui Colmar, Woolrich e Napapijri), oltre 20 paia di scarpe (di marche quali Hogan e Nike), oltre 10 confezioni di profumo (tra cui Chanel, Dior, Armani e Gucci), una ventina di borse (tra cui Luis Vouitton, Armani, Koors, Liu jo, Chanel e Gucci), circa una ventina tra cinture e portafogli (Boss, Nike, Hermes e D&G), oltre 220 cover per cellulari, circa un centinaio di occhiali da vista e un centinaio di ombrelli.

Sequestrati anche 190 chili di carciofi e 8 chili di limoni venduti, in certi casi, sotto i camion dei venditori regolari o all'interno degli sgabuzzini per la spazzatura delle case di via Turati 40, in totale assenza di condizioni igieniche e sanitarie.

Nei sopralluoghi sono poi state fatte verifiche sugli ambulanti in regola e sono stati individuati casi di personale “in nero”, con successiva segnalazione all'INPS.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tre mesi di controlli contro gli abusivi: sequestri senza precedenti

MilanoToday è in caricamento