menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Milano (ma non solo) un ristorante aiuta i pescatori e i camerieri a non perdere il lavoro

Si chiama "Vivo per te" l'iniziativa di Vivo, ristorante di pesce che aiuta il personale di sala durante l'emergenza sanitaria

Salvare la filiera della pesca e della ristorazione durante l'emergenza nazionale, garantendo un'alimentazione sana a prezzi calmierati. E' questa l'idea di Vivo per te, iniziativa del ristorante Vivo - presente a Milano, Capalbio, Firenze a Parma - che reimpiega i lavoratori della pesca e della ristorazione per portare a domicilio il pesce della propria flotta, preparato nei suoi ristoranti. Un'iniziativa che parla la lingua del sociale, con prezzi calmierati e la possibilità di scegliere tra abbonamenti mensili o anche solo settimanali.

Un aiuto concreto ai pescatori e al personale di sala

In un momento storico in cui il consumo di pesce fresco è in caduta libera, problema ai lavoratori della pesca e della ristorazione rischiano di perdere il lavoro e, al tempo stesso, rischia anche di cambiare la dieta di molti italiani, con una forte diminuzione di un alimento fondamentale per la salute. Ecco che allora il circolo creato da Vivo per te diventa virtuoso, attraverso abbonamenti settimanali o mensili a piatti sempre diversi. Un aiuto concreto ai pescatori della flotta - che in questo modo riescono ad avere una distribuzione per i loro prodotti - ma anche per il personale dei ristoranti Vivo, che viene impiegato per la preparazione e la distribuzione a prezzo calmierato di prodotti pronti al consumo, consegnati ogni giorno.

Vivo per te è un modo per reinventarci in un periodo molto difficile per tutti; abbiamo deciso di reagire alla crisi della pesca e alla chiusura dei ristoranti per non fermare la filiera e l'occupazione mantenendo gli altissimi standard di sicurezza e qualità ma riducendo il costo al minimo. Sappiamo bene che il consumo di pesce è importante nella dieta. Un servizio che ha un valore sociale e il desiderio di stare al fianco dei nostri lavoratori - ha spiegato Maurizio Manno, amministratore di Vivo. "Il nostro progetto vuole dare un contributo nella difficile situazione che tutti stiamo vivendo, evitando rinunce che vanno a scapito di una corretta alimentazione, e ci aiuta a mantenere il nostro personale impegnato nonostante la chiusura dei nostri ristoranti”.

Con questa iniziativa si ottiene infatti la continuità dell’occupazione di tutto il personale, l’utilizzo del pescato non viene sprecato e si garantisce ai cittadini in casa la possibilità di avere ogni giorno uno o più piatti di pesce cucinati dai cuochi dei ristoranti e consegnati direttamente a casa dai camerieri. Il personale di sala è formato per trattare gli alimenti nel massimo rispetto delle regole e viene a casa del cliente con un piatto trattato secondo tutti gli standard di sicurezza e igiene.

Le tipologie di abbonamento

Tre sono le tipologie di abbonamento proposte da Vivo che consentono di fare un ordine ogni giorno: 

- “Vivo per te basic” per scegliere un piatto tra i cinque del menù al costo di 100 euro per un intero mese o 40 euro per una settimana;

- “Vivo per te premium” con cui si possono scegliere due piatti al giorno, in un'unica consegna, al costo di 150 euro al mese o 60 euro alla settimana;

- “Vivo per te gourmet” offre in un’unica consegna un piatto al giorno tra i cinque del menù giornaliero e in aggiunta una specialità di pesce crudo al costo di 200 euro al mese o 80 euro alla settimana.

Il progetto Vivo

Il progetto Vivo nasce nel 2013 con lo scopo di valorizzare il pesce del Tirreno grazie a un’intera filiera composta da pescatori, esperti che confezionano e smistano il pesce appena pescato, autisti che consegnano il prodotto ai tre ristoranti e cuochi che lo valorizzano in modo semplice e genuino.

E' possibile avere maggiori informazioni sulla modalità di ordine visitando il sito dedicato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona gialla: le faq aggiornate e le regole per capire cosa si può fare

Attualità

Un uomo è rimasto incastrato col pene nel peso di un bilanciere

Coronavirus

Lombardia zona gialla: cosa potrebbe riaprire dal 26 aprile

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Elezioni comunali 2021

    Il nostalgismo

  • Porta Nuova

    In piazza Gae Aulenti è comparso un enorme caprone di legno

  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento