Ritorna "La Notte" è online

Il quotidiano "La Notte" storica testata milanese riparte

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

Nella Milano ricca e gioiosa dei primi anni 70 c'era un giornale che si chiamava "la Notte". Era un giornale particolare "La Notte" perché usciva in due edizioni una pomeridiana e l'altra mattutina. Wilkipedia ci ricorda che una peculiarità dell'edizione pomeridiana era quella di riportare i valori del listino della borsa e di dare indicazioni ai lettori sul come divertirsi la sera.

Erano ovviamente altri tempi, tempi in cui non c'era il precariato, l'asfissia monetaria, il debito pubblico, la disoccupazione e soprattutto l'euro. Chi aveva investito in borsa era ansioso di verificare i suoi guadagni. Chi voleva passare una allegra serata (ed erano in tanti) aveva il problema della scelta del luogo in cui andare. In un periodo siffatto La Notte è arrivata a diffondere ben 250.000 copie, delle quali 80.000 nella sola Milano.

Poi verso la metà degli anni settanta con l'avvento delle prime tv private - ci spiega Wilkipedia - la tiratura ha cominciato a declinare. Dalle 250.000 copie del periodo di massima diffusione si è scesi a circa 50.000. Nel 1982 la proprietà dall'industriale Carlo Pesenti è passata ad Alberto Rusconi e, nell'estate del 1993, a Paolo Berlusconi, che però ha cessato del tutto le pubblicazioni nel 1995. Un tentativo di riportarlo in edicola viene effettuato nel 1997, ma dura solo pochi mesi.

Nel 2009 la Catapano Editori ridà vita a questa testata e pubblica il giornale online, col progetto di un ritorno alle edicole. Non sappiamo se è stato anche per questo ma il coinvolgimento del Gruppo Catapano in indagini della Procura di Padova, ha fatto sì che tutti i siti collegati al gruppo e quindi anche il sito del quotidiano è stato sottoposto a sequestro da parte dell'autorità giudiziaria per oltre un anno. Successive verifiche hanno concesso il dissequestro di beni sequestrati e dei siti, dunque La Notte ora torna on.line in attesa di andare sulla carta stampata con progetto rinnovato da una casa editrice fatta di soli giovani.

Sicuramente è una sfida quella della "La Notte" che cade in un periodo di grande crisi e di grande sofferenza della carta stampata. Alcune testate sono in grande difficoltà, altre stanno per chiudere, altre pur gloriose come "la Stampa" stanno per essere assorbite da altri quotidiani (leggi Corriere della Sera).

Sono sicuramente note al lettore le ragioni di questa crisi: la caduta della raccolta pubblicitaria, la concorrenza della televisione e di Internet, l'aumento dei costi della carta e della distribuzione. Però noi non ce ne aggiungiamo un'altra: la mancanza di qualità.
Parliamoci chiaro: quanti quotidiani italiani hanno detto ai loro lettori la verità sulle stragi del 1992, sulla trappola dell'euro, sulle vere ragioni della guerra in Libia? La risposta è: Nessuno!
In Italia - si sa - non ci sono editori puri. Chi stampa un giornale ha altri interessi e la stampa del giornale avviene il più delle volte per compiacere ed esaltare il proprio segmento politico di riferimento. La manipolazione dell'informazione si percepisce immediatamente e questo non può che infastidire un lettore già gravato da tanti problemi e spingerlo vero l'informazione gratuita e più obiettiva di Internet.

Di qui il valore della nostra sfida: dire al lettore le verità, tutta la verità, solo la verità null'altro che la verità, anche quando questa verità può apparire scomoda rispetto alla linea politico-editoriale che il giornale si è dato. Ma solo così si può instaurare quel rapporto di fiducia fra il giornale e il suo lettore che fa della lettura del quotidiano, ancora attuale nonostante Internet, un momento di relax della giornata lavorativa e un momento di arricchimento culturale e informativo, che molti - nonostante tutto - ancora ricercano.

Il Direttore Michele Imperio

direttore@lanotteonline.it

www.lanotteonline.it

Torna su
MilanoToday è in caricamento