rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Attualità

Lo stipendio dell'Ad di Trenord cresce del 20%: "E ai pendolari aumentano i biglietti"

Interrogazione del Pd al Pirellone per conoscere i motivi dell'aumento dello stipendio di Marco Piuri

Stipendio nel mirino. Il Partito democratico ha depositato in regione Lombardia una interrogazione per conoscere le ragioni dell'aumento del 20% dello stipendio del direttore generale di Fnm - Ferrovie Nord Milano - Marco Piuri, che è anche amministratore delegato di Trenord.

La retribuzione del manager dei trasporti, si legge nella relazione sulla remunerazione di Fnm, pubblicata sul sito dell'azienda, per il 2022 è stata quantificata in 627mila euro, di cui 212mila di parte variabile dovuta al raggiungimento di alcuni obiettivi, il più importante dei quali è un valore target dell'Ebitda, cioè un indicatore che misura l'utile di impresa al netto di tasse, interessi, ammortamenti e svalutazioni. La retribuzione dell'anno precedente era pari a 568mila euro, dunque l'aumento è di 60mila euro in un solo anno.

Con l'interrogazione, rivolta agli assessori Marco Alparone, Bilancio e Partecipate, e Franco Lucente, Trasporti, il Pd ha chiesto di sapere se la giunta regionale sia stata messa a conoscenza di questo aumento e se abbia una posizione al riguardo, se sappia su quali presupposti la componente fissa della retribuzione sia aumentata di quasi il 20 per cento e se la giunta regionale ritenga opportuno che la parte variabile della retribuzione si basi esclusivamente su indicatori finanziari e non sul raggiungimento di obiettivi di reale miglioramento del servizio per gli utenti e i pendolari. E infine, se con il rinnovo del contratto di servizio a Trenord, verrà valutato un riassetto organizzativo del management o se resterà tutto invariato. 

"Questa Regione ci ha abituati a tutto, ma ora stiamo esagerando - ha commentato in una nota Gian Mario Fragomeli, capodelegazione del Pd in commissione bilancio e primo firmatario della interrogazione -. Siamo in tempi di crisi, ai pendolari la Regione impone l'aumento di biglietti e abbonamenti, ma intanto a chi è a capo di Fnm e Trenord viene aumentata la retribuzione di quasi il 20 per cento, ed era già elevatissima. Non c'è rispetto dei pendolari, anzi, di tutti i cittadini lombardi. Capirei se il servizio ferroviario fosse migliorato in modo sostanziale, ma - ha concluso - questo chiaramente non è accaduto". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo stipendio dell'Ad di Trenord cresce del 20%: "E ai pendolari aumentano i biglietti"

MilanoToday è in caricamento