La Regione Lombardia dà il via libera alla caccia di storni e colombi: verranno uccisi quasi 60mila volatili

"Queste due specie - ha dichiarato l'assessore regionale Fabio Rolfi - negli ultimi anni hanno causato 1,7 milioni di euro di danni alle coltivazioni"

Repertorio

Dopo aver imposto ai guardiacaccia di indossare giubbini cataringrangenti - secondo le associazioni ambientaliste un chiaro regalo ai bracconieri - la Regione Lombardia fa un'altra concessione ai cacciatori, dando il via libera all'uccisione di storni e colombi.

"Queste due specie - ha dichiarato l'assessore regionale all'agricoltura, alimentazione e sistemi verdi Fabio Rolfi - negli ultimi anni hanno causato 1,7 milioni di euro di danni alle coltivazioni lombarde. Purtroppo i metodi dissuasivi messi in atto sono risultati scarsamente efficaci. Le deroghe al prelievo venatorio sono state approvate da Ispra".

Le modalità di caccia

"I cacciatori potranno prelevare 8mila storni - come si legge in una nota della Regione - nel periodo dal 1° settembre al 31 ottobre 2020. Il prelievo potrà essere effettuato nei frutteti e vigneti in presenza del frutto pendente nonché a una distanza non superiore a 500 metri dalle suddette colture. Il prelievo potrà essere effettuato dai cacciatori residenti in Lombardia espressamente autorizzati e potrà essere realizzato nelle forme da appostamento fisso e vagante, senza l'utilizzo di richiami o ausili di altra natura". I cacciatori autorizzati al prelievo saranno 600. 

"Le colture maggiormente danneggiate dallo storno - ha spiegato l'assessore Rolfi - sono quelle vitivinicole per la produzione di vini Doc e Docg e frutticole con concentrazione dei danni nel periodo della maturazione dei frutti a giugno e tra agosto e ottobre. Le misure dissuasive per allontanare gli storni non sono risultate sufficientemente efficaci e per la Regione è fondamentale difendere le produzioni di frutta e di vino".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Per quanto riguarda il colombo di città - continua la Regione- il prelievo venatorio viene autorizzato durante il periodo 20 settembre 2020 - 20 gennaio 2021. In Lombardia, l'importo dei danni accertati alle produzioni agricole dal colombo di città negli anni dal 2004 al 2019 è di 932.000 euro. L'abbattimento dovrà essere effettuato ad una distanza non superiore a 100 metri in corrispondenza delle fasi di semina, emergenza e sviluppo iniziale delle plantule delle coltivazioni agrarie. Il prelievo potrà essere effettuato dai cacciatori residenti in Lombardia espressamente autorizzati dal competente ufficio. Il prelievo dovrà essere attuato da appostamento fisso e appostamento temporaneo, mediante utilizzo di zimbelli non vivi e stampi attrattori. È stato stabilito un numero massimo pari a 50mila capi prelevabili e un numero massimo pari a 600 cacciatori autorizzabili al controllo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'allarme dei medici di Milano: "Prepararsi a stagione influenzale o sarà crisi"

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Covid, nuova ordinanza sulle mascherine in Lombardia: quando è obbligatoria, quando no

  • Orrore a Milano, stuprata in pieno giorno sul Monte Stella: indaga la polizia

  • Accoltellato sull'autobus a Milano, 23enne gravissimo in ospedale

  • Follia alla Darsena: due ragazzi gettano in acqua un venditore di rose e poi scappano

Torna su
MilanoToday è in caricamento