Martedì, 19 Ottobre 2021
Attualità

Le 1.300 famiglie pronte a dare una stanza di casa loro a una donna afghana

L'iniziativa della coop "Il Melgrano" lanciata ad agosto riscuote successo

Una stanza che vale una vita. Ha riscosso grandissimo successo l'iniziativa "#Unastanzaperunadonnaafghana" lanciata ad agosto scorso da "Il Melograno", cooperativa di Segrate che conta circa 700 lavoratori e 500 soci e che subito dopo l'esplosione dell'emergenza umanitaria - con il ritorno del Paese in mano ai talebani - ha voluto fare qualcosa di concreto per le donne tornate in pericolo. 

L'idea è semplice: chiunque vorrà, potrà offrire ospitalità a una migrante scappata dall'Afghanistan, così da garantirle l'avvio di una nuova vita.

Da fine agosto, hanno fatto sapere dalla coop, "le disponibilità per accogliere in famiglia, gratuitamente e per tre mesi, una donna afghana sono salite a più di 1300" con quella che viene definita "una manifestazione straordinaria di solidarietà e di cittadinanza attiva, fattiva e concreta". 

Le disponibilità raccolte, hanno spiegato da "Il Melograno", vengono in gran parte da Milano e dall’area metropolitana, dalla Lombardia ma anche da molte altre città d’Italia. L'idea - hanno sottolineato - "rappresenta un passo in più", uno sforzo che la coop e le famiglie "ritengono necessario per promuovere un’accoglienza sempre più diffusa con la partecipazione dei cittadini capace di produrre percorsi più efficaci e sostenibili di integrazione nelle nostre comunità". 

"Come raccomandato da Anci, l’associazione dei comuni italiani che si è espressa anche in seguito a questa grande manifestazione di solidarietà fattiva, la disponibilità delle famiglie, nell’interesse di tutti, di chi accoglie e di chi è accolto, deve essere inserita in un percorso professionale che sia di assoluta garanzia e deve fare perno e rimanere saldamente in connessione con i progetti degli enti locali già avviati e che saranno avviati nelle prossime settimane, quando è probabile che aumenteranno le persone, donne in particolare, che decideranno di fuggire in qualche modo dall’Afghanistan", hanno ribadito dalla coop di Segrate. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le 1.300 famiglie pronte a dare una stanza di casa loro a una donna afghana

MilanoToday è in caricamento