menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Antitrust indaga su Inter e Milan: "Clausole vessatorie in biglietti singoli e abbonamenti"

Nel mirino dell'Antitrust sono finite nove squadre, tra queste anche le due milanesi

Inter e Milan nel mirino dell'Antitrust. L'autorità garante della concorrenza e del mercato ha infatti annunciato l'avvio di "nove procedimenti istruttori in materia di clausole vessatorie nei confronti" di altrettante "società di calcio di serie A". Tra i club sotto la lente d'ingrandimento ci sono Atalanta, Cagliari, Genoa, Lazio, Juve, Roma, Udinese e proprio le due meneghine. 

L'Antitrust - come specificato in una nota ufficiale - vuole vederci chiaro sulla "possibile vessatorietà di alcune clausole contenute nelle condizioni generali di contratto relative all’acquisto dell’abbonamento annuale e del biglietto per la singola partita".

Caso rimborsi biglietti e abbonamenti

Il tema del contendere, da quanto comunicato, è la possibilità per i tifosi di ottenere o meno rimborsi e risarcimenti in caso di partita non disputata. 

Secondo le ricostruzioni dell'autorità, infatti, in biglietti e abbonamenti ci sarebbero "clausole che non riconoscerebbero il diritto dei consumatori ad ottenere il rimborso di quota parte dell’abbonamento o del singolo titolo di accesso in caso in caso di chiusura dello stadio o di parte dello stesso, ad ottenere il rimborso del titolo di accesso per la singola gara in caso di rinvio dell’evento, sia per fatti imputabili alla società, sia quando tale circostanza prescinda dalla responsabilità di quest’ultima" e, ancora, "a conseguire il risarcimento del danno qualora tali eventi siano direttamente imputabili alla società".

Le clausole - conclude l'Antitrust - escluderebbero o limiterebbero "la responsabilità delle società di calcio" introducendo "un significativo squilibrio a carico dei consumatori nelle prestazioni contrattuali".

Già a maggio scorso, Inter, Milan e le altre erano state invitate dall'autorità a modificare biglietti e abbonamenti, ma sembra che l'appello sia caduto nel vuoto. Così, martedì è stato avviato il procedimento istruttorio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento