Attualità

Milano, 500 licenze in più per i tassisti: "Troppe chiamate inevase"

Secondo i calcoli, in certe fasce orarie si arriva a 4 chiamate su 10 senza riscontro. I numeri

Si profila un nuovo scontro tra tassisti e Comune di Milano. Questa volta, però, Uber non c'entra. Nessuna polemica che riguardi gli autisti del noleggio con conducente o le applicazioni concorrenti. Stavolta si parla di aumentare le licenze. Palazzo Marino vorrebbe crearne 500 in più, di cui 250 con vincolo orario e 250 abilitate al trasporto dei disabili. 

La cifra è stata comunicata da Marco Granelli, assessore alla mobilità, ai delegati sindacali durante un incontro che si è tenuto in piazza Beccaria, sede non solo della polizia locale ma anche dell'assessorato. Rispetto agli attuali circa 5 mila tassisti in circolazione a Milano, si tratta di un aumento del 10%.

Taxi per disabili: "A Milano sono troppo pochi"

Ma le licenze sono estese a tutto il bacino aeroportuale della Lombardia, cioè i territori di Milano, Varese e Bergamo con gli scali di Linate, Malpensa e Orio al Serio. Secondo Palazzo Marino a spingere per l'aumento delle licenze (e dei tassisti) c'è il dato sulle chiamate ai consorzi di radiotaxi che segnano un preoccupante aumento di chiamate senza risposta, addirittura il 42% nella fascia da mezzanotte alle cinque di mattina nei weekend.

Le chiamate inevase ai radiotaxi

Percentuali di chiamate a vuoto inferiori in altre fascie, ad esempio il 15% nell'ora di punta mattutina dei giorni feriali o il 31% all'ora di cena di sabato e domenica. Ogni giorno, in media, i radiotaxi ricevono 33.400 chiamate e, di queste, ne restano inevase 4.600. Un dato che ha spinto Granelli a porre rimedio proponendo di aumentare i taxi in circolazione.

L'ultimo aumento di licenze (+302) si era verificato nel 2003, cioè 16 anni fa, e produsse uno scontro ferocissimo tra tassisti e giunta milanese, all'epoca guidata da Gabriele Albertini.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano, 500 licenze in più per i tassisti: "Troppe chiamate inevase"

MilanoToday è in caricamento