Milano secondo i bambini: solo auto elettriche, nessun tabaccaio, tanti parchi

Gli alunni hanno scritto come vorrebbero che fosse Milano e poi hanno realizzato un plastico: Sala li incontrerà

Una Milano senza tabaccai e distributori di benzina, perché il fumo fa male e le auto devono essere elettriche per non inquinare, ma con tanti negozi e hamburgerie, ricca di spazi verdi e campi da calcio e da basket, casette più piccole ma in numero sufficiente per tutti, affiancate ai simboli della città vecchi e nuovi, il Duomo e i grattacieli di City Life.

Sognare ogni tanto fa bene, e farlo insieme ai desideri dei bambini (vedere la città con i loro occhi) può fare ancora meglio. Sono i cittadini del futuro a "disegnare" una Milano vivibile e a misura di abitanti (grandi e piccoli). E il sindaco di Milano, insieme all'assessora all'educazione Laura Galimberti, incontrerà lunedì 28 ottobre gli "urbanisti in erba" della quarta classe della scuola primaria Faes di via Amadeo, che nei loro temi (scritti l'anno scorso per un progetto voluto dalla loro insegnante) hanno "ripensato" Milano. 

Il progetto di classe non è finito con i temi, ma è proseguito con la realizzazione di un plastico che rappresenta la città "ideale" per i bambini. Il coinvolgimento del sindaco è partito quando l'insegnante ha inviato a Sala i temi degli alunni e il sindaco ne è rimasto colpito. Di qui l'organizzazione dell'incontro: i bambini spiegheranno a Sala e a Galimberti come vorrebbero che fosse la Milano di domani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una città con auto elettriche e, possibilmente, in car sharing; senza tabaccai, perché fumare fa male; e solidale, in cui ciascuno ha la sua casa e nessuno è costretto a vivere per la strada. Una rivoluzione, ovviamente, anche se gli stessi alunni nei temi scrivono che "vivere a Milano è bellissimo" perché ci sono "hamburgerie buonissime" e "tanti negozi e servizi", oltre a "un nuovo quartiere pieno di grattacieli". E chissà che il sindaco non prenda "spunto" da qualcuno dei suggerimenti degli alunni per la prossima delibera di giunta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, 'paziente covid positivo' attraversa la città con flebo e ossigeno: la performance

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Milano, ancora spari in via Creta: ragazzo di 32 anni gambizzato durante la notte, le indagini

  • Lo spettacolo della cometa Neowise, visibile a occhio nudo sopra Milano

  • Bollettino contagi coronavirus: a Milano trovate sei persone positive, 16 nella città metropolitana

  • H&M chiude a Milano, lavoratori trasferiti ad Ancona (e non solo): "Non ci fanno rientrare"

Torna su
MilanoToday è in caricamento